BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONTRATTO A TERMINE/ Del Conte (Bocconi): ecco perché il passo indietro della Fornero non basta

Infophoto Infophoto

Rispetto agli incentivi per assumere a tempo indeterminato, le cose vanno ancora peggio. «Qualunque azienda sa bene che la restituzione di parte dello sgravio introdotto per la stabilizzazione del contratto a termine non rappresenta altro che la compensazione di un aggravio, e non un vero incentivo». In conclusione: «Tutta la parte della riforma relativa alla flessibilità in entrata ancora non ha prodotto effetti positivi; effettivamente, a oggi, sono passati pochi mesi. Quando basta, tuttavia, per osservare piccoli peggioramenti. Credo che il nuovo atteggiamento del ministro rifletta, quindi, la consapevolezza della situazione e la volontà di correre ai ripari».

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
17/10/2012 - Siamo rimasti l'Italia degli Schettino (Moeller Martin)

La riforma del mercato del lavoro è forse la più grave pecca del governo Monti. Doveva toglierci tutta quella fuligine da socialismo reale introdotta nei primi anni '70, ma non ha cambiato nulla. Siamo rimasti l'Italia degli Schettino, che pur avendo affondato una nave da crociera e ucciso decine di persone, fanno causa al datore di lavoro per il reintegro e gli stipendi arretrati. E badate che se non fosse per l'attenzione mediatica, la giurisprudenza del lavoro italiana gli darebbe immediatamente ragione, in quanto l'affondamento di una nave non è da considerarsi plausibilmente ripetitivo. In altre parole, si deve reintegrare Schettino perchè non è realistico pensare che lo stesso affondi una seconda nave. Quanto agli apprendisti, non è questione di contributi ma del fatto che sono automaticamente assunti a tempo indeterminato. Perchè un imprenditore dovrebbe assumere un ragazzino trovandosi poi a doverlo pagare per anni e anni anche nel caso si rivelasse un balordo?