BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FORNERO/ Giovani, non siate schizzinosi. E Alfano, Bersani e Casini insorgono. Le reazioni della politica

Ad un convegno di Assolombarda il ministro Fornero aveva invitato i giovani a non essere schizzinosi e a prendere il primo lavoro che capita, senza aspettare che arrivi quello ideale

Infophoto Infophoto

In realtà, non ha detto niente di così eclatante. Ma, considerando il triste contesto in cui versa il mercato del lavoro e il probabile ulteriore deterioramento che sarà prodotto dalla sua riforma, la battuta, in effetti, è stata piuttosto infelice. Ad un convegno di Assolombarda il ministro Fornero aveva invitato i giovani a «non essere troppo choosy, all'inglese, e prendere le prime offerte e poi da dentro guardarsi intorno» dato che «non si può più aspettare il posto ideale». Il concetto espresso dalla Fornero era pressoché il medesimo del suo predecessore, Maurizio Sacconi. Che, alcuni anni fa, aveva invitato i giovani alle prime esperienze ad accettare qualunque lavoro, anche se non in linea con il proprio percorso di studi. Il lavoro della vita, accontentandosi all’inizio, sarebbe in ogni caso prima o poi arrivato. In seguito, quando i cronisti le hanno chiesto un chiarimento sulle sue parole, ha spiegato che «i giovani italiani oggi sono disposti a prendere qualunque lavoro», «tant'é che sono in condizioni di precarietà». Poi, ha aggiunto: «Nel passato  quando il mercato del lavoro consentiva cose diverse, qualche volta poteva capitare, ma oggi i giovani italiani non sono nelle condizioni di essere schizzinosi». La spiegazione non è stata sufficiente per evitare le critiche del mondo politico e suscitare reazioni indignate. Salvo quella del segretario del Pdl, Angelino Alfano, che ha risposto al titolare del Welfare con un criptico: «Per la Fornero vale il principio che 'piuttosto che niente meglio piuttosto»; frase un po’ troppo ambivalente per chiarire se intendeva criticarla o giustificarla. Alfano, in ogni caso, ha anche fatto presente che il suo partito ha più volte criticato la riforma del lavoro perché complicherà la vita alle imprese che vogliono assumere e, in tal senso, va considerata un provvedimento voluto dalla Cgil. Adriana Poli Bortone, senatrice di Grande Sud, invece, ha fatto presente al ministro che i giovani sono tutt’altro ch schizzinosi, ma delusi dall’assenza di risposte che la politica stessa e il governo avrebbero dovuto fornire. Se per Pierluigi Bersani, inoltre, la battuta è decisamente infelice e non è neppure la prima, secondo il capo dell’Udc, Pierferdinando Casini, rappresenta un modo per alimentare l’odio sociale.


COMMENTI
23/10/2012 - e se Elsa avesse ragione.. (andrea sperelli)

Ho cercato di leggere senza interpretazioni varie le parole della Fornero. E se avesse ragione? se Ford non avesse fatto l'operaio di Edison forse non avrebbe rivoluzionato il mondo.. Non mi sembra che abbia detto "deprimetivi". Francamente è stata realista, non bisogna aspettare un posto di Direttore Generale per entrare nel mondo del lavoro. Ci si butta dentro e poi si vede. Magari possono nascere belle idee.. come a Ford...