BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENSIONI/ Esodati. Bobba (Pd): Monti mantenga la parola. Bastano 5 miliardi per evitare una "guerra"

LUIGI BOBBA spiega perché la salvaguardia degli esodati va portata a compimento così come aveva solennemente promesso il presidente del Consiglio in più di un’occasione

Infophoto Infophoto

Il governo non sembra fare nulla per nascondere la propria ostilità al disegno di legge che, ieri, ha iniziato il proprio iter alla Camera. Pare che la compagine dei tecnici e, in particolare, il ministero del Lavoro, con ogni probabilità, decideranno (o hanno già deciso) di bocciarlo. Si tratta di una proposta condivisa dall’intera Commissione lavoro e che, da un lato, individua nelle deroghe alla riforma delle pensioni la strada privilegiata per salvaguardare gli esodati per i quali non è ancora prevista la copertura e, dall’altro, introduce le possibilità di andare in pensione con il contributivo per i lavoratori che abbiano compiuto 58 anni di età e abbiano versato 35 anni di contributi. L’esecutivo sostiene che non solo manca la copertura, ma verrebbe meno l’impianto della riforma. Abbiamo fatto il punto della situazione con il vicepresidente della commissione Lavoro alla Camera, Luigi Bobba.

Dicono che state cercando di sovvertire la riforma della Fornero…

Abbiamo semplicemente chiesto l’estensione di una legge che riguarda le donne. Le quali, fino alla fine del 2014, potranno andare in pensione con il contributivo, con 35 anni di contributi e 57 di età. Consentire anche agli uomini l'accesso al sistema previdenziale secondo i medesimi requisiti (ma a 58 anni invece che 57) ha il fine, ovviamente, di trovare uno strumento per rendere l’impatto della riforma delle pensioni meno penalizzante e traumatica. La denuncia di chi afferma che vogliamo invalidare la legge si riferisce a tale misura. Ma essa lascia l’impianto della riforma sostanzialmente immodificato, riferendosi a una platea di pesone estremamente limitata.  

A quanto ammontano le risorse necessarie?

Questa misura e quella relativa agli esodati richiedono complessivamente 5 miliardi di euro.

Anche nel caso degli esodati, pare che la vostra ipotesi non passerà. Come sta reagendo il Parlamento?

Ci stiamo appellando a due pronunciamenti del presidente del Consiglio. Il primo venne fatto nella conferenza stampa di fine anno, quando disse che nessuno sarebbe rimasto senza pensione e senza salario. Successivamente, il Parlamento gli consentì di recarsi al summit europeo del 28 giugno con in tasca la riforma del mercato del lavoro in cambio dell’impegno, tra gli altri, a trovare una soluzione per gli esodati. Il nostro disegno di legge si è incardinato proprio su questi impegni solenni.

E invece?