BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PENSIONI/ Boccia (Pd): cara Camusso, l’unico "dietrofront" da fare è sugli esodati

InfophotoInfophoto

In generale, l’ipotesi è ragionevole. Tuttavia, il rischio è che nel momento in cui si stabilisse che si può andare in pensione, ad esempio, a 58 anni dietro disincentivo, in molti potrebbero optare per questa soluzione. Non è escluso che costoro potrebbero essere la maggioranza. Il che equivarrebbe a un ritorno al passato. Diverso è il caso in cui si ipotizzi una forbice meno ampia, dai 63-64 anni ai 70, per intenderci. Ma l’ipotesi, così formulata, non è mai stata avanzata come proposta. 

 

Non crede che una controfirma, oltretutto, sortirebbe effetti deleteri sul fronte dei mercati finanziari? 

 

Di questo mi preoccuperei di meno. L’Italia dovrà affrontare la questioni finanziarie imponendo, anzitutto una netta Tobin tax, specialmente sui derivati. La questione degli spread, oltretutto, si risolve nel momento in cui si attiva il Fondo salva-stati. Nei confronti dei mercati finanziari, quindi, occorre avere un atteggiamento diverso; sapendo, cioè, che vanno seriamente regolamenti e che, a essi, non abbiamo proprio nulla da dimostrare. Tanto più che noi, i cosiddetti compiti a casa, non solo li abbiamo fatti, ma, addirittura, ci troviamo nella condizione di chiedere altrettanto agli altri paesi.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.