BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

IL CASO/ Se basta un "sorriso" a battere i nemici del lavoro

L’ottimismo trasforma le sfide in opportunità ed è un atteggiamento mentale, fondamentale per la crescita e la produttività. FRANCESCO SANSONE ci spiega in che modo

FotoliaFotolia

L’ottimismo trasforma le sfide in opportunità ed è un atteggiamento mentale, fondamentale per la crescita e la produttività, che può essere appreso, coltivato e che ci permette di reagire alle avversità con successo, soprattutto nei momenti difficili. Se siamo ottimisti, pensiamo di essere di valore e meritevoli; se siamo pessimisti, ci riteniamo non all’altezza dei compiti che ci vengono affidati. La differenza è che per i primi ogni successo dipende dalle proprie abilità e conferma le proprie capacità di confrontarsi con la realtà. Chi ha fiducia esercita un forte controllo sulla propria vita e basa i propri successi sull’impegno e l’azione.

Per superare lo stress e l’ansia generate dai problemi e dall’incertezza per il futuro, occorre affrontare le difficoltà e le sfide quotidiane con il massimo impegno unito alla consapevolezza che esistono valori più importanti dei risultati lavorativi. Questa consapevolezza, unita al divertirsi nell’affrontare nuovi obiettivi, contribuisce in maniera determinante nell’affrontare le sfide con maggiore serenità e sicurezza e quindi con maggiori probabilità di successo. Infatti, se stabiliamo l’obiettivo da raggiungere e indirizziamo il nostro focus mentale è come se attivassimo il nostro cervello a dare priorità a tutto ciò che conduce verso l’obiettivo stesso. Stabilire degli obiettivi è fondamentale, perché più facciamo chiarezza su quello che vogliamo raggiungere, più riusciremo a trovare il modo adatto per ottenere ciò che ci prefiggiamo.

L’ottimismo è pertanto l’esercizio della concentrazione sulle opportunità e sulle possibilità invece che sulle lamentele e sui rimpianti. I leader ottimisti esaminano il lato negativo di ogni situazione e poi si concentrano al massimo su quello positivo, e su questo focalizzano anche la loro comunicazione. Sanno che il lato negativo è ben presente a tutti i componenti del team, ma non altrettanto quello positivo.

Credere fortemente in noi stessi e imparare a essere felici dovrebbe essere il compito personale più importante della nostra vita e se almeno imparassimo a guardare il lato positivo delle cose e a presumere la buona fede delle persone, riusciremmo ad avere una maggiore capacità di mediare le nostre emozioni. È particolarmente importante coltivare un atteggiamento di speranza e fiducia in ciò che sta per avvenire e, quindi, saper affrontare gli eventi in modo rilassato, avere buon umore e saper sorridere.