BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Ci vogliono veri incentivi per l'apprendistato e la "somministrazione"

Foto FotoliaFoto Fotolia

Altro tema da affrontare è, certamente, quello dell’enorme carico fiscale che grava sul costo del lavoro. Da un lato, infatti, esso penalizza pesantemente il reddito dei lavoratori, il loro stile di vita, il loro benessere, la loro sicurezza e l’orientamento ai consumi. Dall’altra, ahimè, finisce per rendere le nostre aziende poco competitive nel panorama internazionale. Pur consapevoli del fatto che “la torta” è quella che è, dobbiamo renderci conto che, proprio per farla crescere nuovamente, è necessario creare maggiori possibilità di sviluppo a beneficio delle persone che lavorano e delle aziende che creano buona occupazione per il bene di tutti. Occorre, dunque, riformare ulteriormente il mercato del lavoro, percorrendo con maggiore determinazione le strade sopra indicate.

Per realizzare tutto ciò, è evidente che i piccoli incentivi economici e fiscali non sarebbero sufficienti e, in ogni caso, ci lascerebbero comunque in mezzo al guado, rischiando di risultare inutilmente costosi oltre che gravemente inefficaci.

In conclusione, non ci resta che auspicare che il Governo, quello attualmente in carica così come il futuro, abbia davvero il coraggio di assumere decisioni più nette e di correre il rischio di indicare come positive, senza mezzi termini, quelle strade - e ci sono - che risultano autenticamente capaci di generare nuovo sviluppo per lavoratori e imprese.

© Riproduzione Riservata.