BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENSIONI/ Milleproghe. Nerozzi (Pd): esodati e precoci sperino nella riforma del lavoro

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

«La Fornero ha parlato di un provvedimento ad hoc. È ragionevole presumere che sarà presentato in seguito alla riforma del lavoro, prima della conclusione della legislatura». Il problema è sempre la copertura. «Francamente - replica Nerozzi - si tratta di risorse decisamente esigue. Non mi spiego, quindi, perché la Fonero non abbia voluto risolvere il problema sin da subito». L’altra grande categoria di lavoratori penalizzati, è quella di chi svolge lavori usuranti. «Se si fosse messo mano a essi per tempo, non ci troveremmo in questa situazione. Gran parte degli esodati e dei precoci, infatti, rientrano anche nella tipologia degli usurati». 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/02/2012 - mobilita' (silvano bonanno)

E' mai possibile,per chi ha firmato un'accordo sindacale colletivo nel 2009 che prevedeva il licenziamento e la mobilita' per quattro anni consentendomi di andare in pensione con 35 anni di contribuzione e 62 anni di eta',non avere notizie certe.E' mai possibile che non verranno rispettati gli accordi collettivi sindacali.Oggi,a me risulta,che dal 1 gennaio 2014 finita la mobilita' dovro' cercare un'altro lavoro.Industria farmaceutica.