BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIFORMA DEL LAVORO/ Nuovo round sindacati-Governo. Oggi forse l’accordo

Infophoto Infophoto

Inoltre il sindacato di Susanna Camusso deve fare i conti al suo interno con la posizione intransigente della Fiom, che è già pronta a proclamare scioperi in caso di modifica dell’articolo 18. Ma anche la Uil non sembra così convinta delle proposte del governo, che sembrerebbero sminuire anche la procedura per i licenziamenti collettivi (da 5 a più lavoratori) che solitamente porta alla mobilità. Per le imprese risulterebbe infatti più conveniente licenziare fino a 4 dipendenti alla volta in modo da non farvi ricorso.

© Riproduzione Riservata.