BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

NUOVO ARTICOLO 18/ L'esperto: vi spiego perché non c'è nessun "attacco" alla Costituzione

FotoliaFotolia

Perché, allora, tanto zelo da parte di Md? «Si tratta - spiega la Violini - di un intervento di natura politica, non di certo tecnica, ove Md denota un atteggiamento ideologico, piuttosto che l’intenzione di tutelare la posizione dei magistrati rispetto ad alcuni aspetti organizzativi della loro vita». Il che non deve stupire: «Che certe correnti abbiano una connotazione prevalente politica è noto. Sarebbe, forse, più opportuno che certi interventi venissero effettuati a titolo personale invece che in virtù della funzione ricoperta in seno alla magistratura. Ma per carità! Evitiamo di scandalizzarci e di gridare all'attentato alla Costituzione». 

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
31/03/2012 - art .18 vi spiego perché é peggio (francesco oglialoro)

vorrei fare un esempio pratico delle conseguenze del "nuovo"art 18:un lavoratore che ricorre al giudice contro il suo licenziamento per motivi economici e il giudice accertato che il motivo economico non sussiste ma altre sono le ragioni e ciò nonostante il lavoratore non viene reintegrato,credo che ciò non rispetti la costituzione perchè in contrasto con l'utilità sociale del lavoro dal momento che viene interrotto un rapporto di lavoro a tempo indeterminato già contrattato al momento del'assunzione sulla base di un'illegittimo licenziamento scaricando i costi e l'onere del'utilità sociale del lavoro sullo Stato, risolvendo cosi i propri desideri incurante delle ripercussioni sociali.Paradossalmente si potrebbe sintetizzare che un licenziamento giudicato illegittimo viene sanzionato con la legittimazione del licenziamento.Il contratto a tempo determinato prevede già la data di scadenza e non il licenziamento per cui credo rispetti la costituzione in quanto è occupazione aggiuntiva rispondendo così al'utilità sociale.Non è certo licenziando un lavoratore illegittimamente che se ne preserva la sua dignità.Un lavoratore che sa che il proprio datore di lavoro può licenziarlo, senza aver fatto nulla di male e per giunta illegittimamente,non può ritenere di vivere in uno Stato civile.Questo "nuovo art 18"secondo me non è solo incostituzionale ma è anche la negazione di uno Stato democratico e civile.Sintetizzando (Gloria alla "dittatura" economica).