BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PENSIONI/ Esodati. L’esperto: il problema va risolto a tutti i costi

Fotolia Fotolia

«È una questione di civiltà. Si tratta di persone che hanno preso decisioni importanti per la propria vita, accettando di uscire dal lavoro con regole ben precise rispetto alle proprie pensioni e che, ora, dato che gli hanno cambiato le regole in corso, si ritrovano senza lavoro e senza pensione». Tornando agli elementi incompiuti della riforma «il tasso di adesione alla previdenza complementare è ancora estremamente basso».

Ci sarebbero pertanto misure adottabili facilmente, a costo zero, come, ad esempio, la riduzione delle aliquote sui rendimenti dei fondi pensione». Ecco perché non dovrebbe, necessariamente, rappresentare un aggravio per lo Stato: «Tali rendimenti, tipicamente, sono più elevati di quelli del tfr. Diminuendo le aliquote, si potrebbe aumentare l’adesione e, di conseguenza, anche il gettito».

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.