BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PENSIONI/ L’esperto: gli esodati? La soluzione è un nuovo lavoro...

Pubblicazione:

Fotolia  Fotolia

PENSIONI, IL PROBLEMA DEGLI ESODATI DOPO LA RIFORMA. IL PARERE DELL'ESPERTO Un’alternativa, effettivamente, ce l’avevamo: fare la fine della Grecia. O dell’Argentina. Non che questo renda la riforma delle pensioni meno drastica e aspra. Vista in questi termini, tuttavia, le conferisce quel minimo di legittimità necessaria per non farcela andare di traverso del tutto. Ce ne faremo una ragione, insomma. Resta da capire, ora che è stata approvata in via definitiva, con la conversione in legge anche del decreto Milleproroghe, se esistano margini per ulteriori correttivi tesi ad ammorbidirla. Secondo Alberto Brambilla, esperto di previdenza, già sottosegretario al Welfare contattato da ilSussidiario.net, ce ne sono ben pochi. Analizziamo, anzitutto, i capisaldi: «Complessivamente, consiste in una revisione della precedente normativa - che, già di per sé, era stata ritenuta adeguata, tra gli altri, dall’Ocse - sulla quale opera una serie di accorgimenti». Ecco i principali: «Sono stati irrigiditi i requisiti di età e di anzianità contributiva; è stato introdotto il contributivo pro rata che, benché non comporti particolari risparmi, dà un forte segnale di equità nei confronti delle giovani generazioni; la cadenza triennale dell’adeguamento alla speranza di vita e dei coefficienti di trasformazioni è stata resa, infine, biennale».

Tutto questo, secondo Brambilla, era indifferibile. «L’unico elemento sul quale, probabilmente, si è esagerato è quello dell’anzianità. È stata portato, infatti, a 42 anni e un mese e, per giunta, chi ci arriva prima dei 62 anni subisce delle penalizzazioni. Per una ragione di equità, è plausibile che dopo aver lavorato 41 anni (attualmente, la soglia più alta in Europa), si possa andare in pensione. Eventualmente, al limite, si può pretendere che si tratti di 41 anni effettivi, al netto dei contributi figurativi (salvo quelli per maternità). Trovo altrettanto esagerato che vengano indicizzati alla speranza di vita i 42 anni e un mese». 

Tra la questioni sulle quali si dibatte maggiormente vi è quella degli esodati. La posizione di Brambilla, rispetto all’opinione generale, è decisamente divergente: «Per chi avrebbe dovuto attendere ancora, al massimo, due anni, credo che si possa concordare una forma di salvaguardia. Tutti gli altri, in qualche modo, si dovranno adeguare. Trovandosi un altro lavoro. Chi avesse ancora 6 anni di fronte, prima di andare la pensione, infatti, non potrebbe certo lamentare il fatto che gli siano state cambiate le carte in tavola».

Per intenderci: «Cambiare lavoro, anche se difficile, è possibile. Ci si adegua. Negli Usa tutti ricorderanno il caso dell’ingegnere informatico che si è trovato senza lavoro e si è messo a far il piazzaiolo. Forse un padre di famiglia non si industrierà per dar da mangiare ai propri figli perché lo Stato non gli paga un sussidio per i prossimi dieci anni? Chi dovrebbe pagarlo, del resto, questo sussidio?».



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
11/03/2012 - controriforma delle pensioni (francesco oglialoro)

vorrei proporre un"alternativa per non fare la fine della grecia :DEBELLARE la corruzione,l"EVASIONE,i privilegi dei politici e dei dirigenti, pubblici e privati.tornando alle pensioni, gli esodati firmatari di accordi prima del 4/12/11 avevano il diritto di accesso alla mobilità o c.i.g.o per un periodo di 3 anni con il milleproroghe tale periodo si è ridotto a 2 anni, ciò significa cambiare le regole di gioco a partita in corso. mi risulta che la Cassa Integrazione Guadagni sia pagata dai lavoratori e dalle inprese e non dalla fiscalità generale.l"Europa non ha chiesto tutto ciò allora mi chiedo i lavoratori e i pensionati al posto di chi devono PAGARE.

 
10/03/2012 - Senza vergogna! (Mariano Belli)

La fine dell'Argentina? Ma se l'Argentina cresce del 7% l'anno è ha un debito pari a metà Pil, e sempre più occupati..... Ma cosa sta dicendo? E questa del trovare un nuovo lavoro per un "esodato" sembra proprio un'altra presa in giro....

 
10/03/2012 - AL LAVORO A 66 ANNI!!! (paola cili)

CERTAMENTE SI PUO' TROVARE UN LAVORO, MAGARI COME DOMESTICA. SAI CHE SPASSO SALIRE SULLE SCALE E TUTTO IL RESTO FINO A 66 ANNI. QUESTO E' QUELLO CHE SI PREVEDE PER I DISOCCUPATI DI 56/57 ANNI. LA SOTTOSCRITTA HA VERSATO 36 ANNI DI CONTRIBUTI, ATTUALMENTE DISOCCUPATA E LA RIFORMA PREVEDE CHE DOVRO' ATTENDERE FINO AL 2021. SICURAMENTE PUOI ANCHE FARE IL PIZZAIOLO MA DOPO UNA CERTA ETA' NON SEI PIU' ADATTO E TI SCARTANO, E' NATURALE... LEI MI SEMBRA TROPPO DISTANTE DALLA REALTA', COME I NOSTRI TECNICI. HA LETTO BENE LA RIFORMA???