BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Lavoro, a Monti basta un "pareggio" per vincere

Foto Imagoeconomica Foto Imagoeconomica

D) Risorse economiche

Il Governo è stato particolarmente attento a non suscitare aspettative e a evitare accordi “pagati da altri”. Ha detto no al tesoretto, pur impegnandosi a combattere l’evasione, a creare le condizioni per abbassare lo spread e di conseguenza ridurre gli oneri finanziari, ma soprattutto prodigandosi per avviare la crescita. Se cresce il Pil potrebbero esserci risorse per alimentare la spirale virtuosa e dar vita a un nuovo miracolo economico.

 

Conclusione

Molti non sono d’accordo con il Governo e vi sono tantissime critiche nei suoi confronti, come è inevitabile nei confronti di chiunque opera su tanti fronti. Quello che è certo è che Monti prima ha provocato la spinta e poi la sta utilizzando per arrivare ad affrontare il tema del lavoro inserendolo in un contesto di cambiamento complessivo di cui si è sforzato di illustrare le linee fondamentali, evidenziandone anche le difficoltà, ma soprattutto i vantaggi.

Oggi in Italia le forze del cambiamento sono superiori a quelle della conservazione e si è messo in moto un processo grazie al quale i successivi cambiamenti diventano più agevoli. Dopo una lunga spirale negativa, ora abbiamo imboccato una spirale positiva e una corretta riforma del lavoro segnerà un’altra importante tappa di questa evoluzione.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
11/03/2012 - iniquità punto di forza (francesco oglialoro)

sono convinto anche io che la maggioranza dei cittadini sostenga il governo,non credo che le ragioni di ciò siano dovute tra favorevoli riformatori e contrari conservatori ma piuttosto perchè al momento, il costo del cambiamento lo stà pagando una minoranza dei cittadini.la riforma della pensione colpisce pesantemente lavoratori dipendenti e pensionati(abolizione del retributivo,innalzamento dell"eta pensionabile 66/70 anni,da 41 a oltre 42 anni di contribuzione,indicizzazioni delle pensioni,incognita per esodati e precoci).le premesse per ulteriori sacrifici ancora ai soliti ci sono tutte (abolizione art 18, c.i.g.s).è ovvio che ciò crea maggioranze.Perchè ha solo sfiorato altre categorie tipo : gli speculatori finanziari,le banche,assicurazioni,avvocati,notai,politici , dentisti,al governo gli piace vincere facile.

 
10/03/2012 - Un particolare trascurato (Mariano Belli)

In questo articolo non si tocca però il tema del consenso popolare, che capisco che non essere più di moda, anche perchè gli italiani sono fatti così : finchè non tocca a loro non si muovono.....ma quando in molti capiranno che la nuova Ici sarà un vero salasso, e che la modifica dell'art.18 colpirà proprio loro, anche nel settore pubblico.....la rivolta sociale è assicurata, che Monti l'abbia prevista oppure no.