BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Sì al ricollocamento in tutti i casi di licenziamento

Foto ImagoeconomicaFoto Imagoeconomica

L’esperienza degli ultimi anni in tema di outplacement ne conferma l’efficacia nel ricollocare figure professionali di tutti i livelli - dirigenti come operai - con un tasso di successo che oscilla tra l’85% e il 90% e con tempi medi per la ricollocazione tra i 4 e i 6 mesi. Per rendere ancora più efficace un tale sistema di supporto alla continuità professionale a carico delle aziende, si potrebbero legare alle nuove proposte di lavoro meccanismi che, in presenza di rinunce multiple a offerte di lavoro disponibili, conducano alla perdita del diritto di ricollocazione della persona, così da responsabilizzare al massimo tutti gli attori in gioco.

Le Istituzioni Pubbliche potrebbero utilmente affiancarsi alle aziende nel sostenere i casi più complessi e di difficile risoluzione, applicando logiche analoghe a quelle dei soggetti privati e potendo avvalersi del supporto delle Agenzie per il lavoro. I lavoratori, attraverso l’utilizzo ad esempio di voucher, sarebbero liberi di scegliere a quali intermediari rivolgersi, all’interno di un sistema che vincolerebbe comunque le agenzie al diritto di incassare il contributo economico solo in caso di successo.

Siamo al cospetto di una svolta storica: gli strumenti che sceglieremo per migliorare il mercato del lavoro devono poter condurre le persone ad una maggiore responsabilizzazione, sostenendole nella fatica necessaria per collaborare alla realizzazione del bene comune.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
15/03/2012 - Sì al ricollocamento in tutti i casi di licenziam (alberto servi)

come si fa a NON essere d'accordo ?