BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

DDL LAVORO/ Articolo 18, il "vaso di Pandora" che ha rovinato la riforma

InfophotoInfophoto

Ma potremmo parlare degli anni ‘80 e ‘90, con i vari referendum promossi da diversi raggruppamenti (Radicali, gruppi della sinistra antagonista), la Legge Treu del 1997, tutte stagioni in cui i toni sono stati esasperati, in cui la lotta politica e sindacale assunse caratteri di guerra “all’arma bianca”, periodi accompagnati con altrettante vittime del terrorismo, persone anch’esse impegnate sul fronte della regolazione del lavoro (dal prof. Tarantelli a Massimo D’Antona). Il Paese invece ha bisogno di essere rasserenato, ha bisogno di comprendere e assimilare i necessari cambiamenti mettendo al centro la crescita e il lavoro; non abbiamo bisogno di toni esasperati su norme che, di fatto, hanno una scarsa incidenza nei processi reali, come le cause da articolo 18!

Infatti, il dibattito vede una nutrita compagine di esponenti politici e professori, giuristi e avvocati, economisti e giornalisti, alcuni capi dei sindacati e intellettuali: pochi consulenti del lavoro, nessun operatore del mercato del lavoro, imprenditori e sindacalisti di base, neanche un direttore del personale interviene su questi argomenti, per la consapevolezza della loro delicatezza, ma anche perché la questione si gioca essenzialmente nella “flessibilità durante il lavoro”, molto meno tra entrate e uscite. E il “durante” è regolato dai comportamenti quotidiani, dalla contrattazione collettiva e individuale, da norme e consuetudini, da modi di fare e da micro innovazioni organizzative.

Nessuna contrapposizione con la realtà, ma solo e semplicemente la necessità di riflettere su un eccesso di legislazione e di regolazione centralistica: petrolchimici e fast food, cantieri edili e officine meccaniche non possono stare insieme, luoghi troppo diversi! E se lasciassimo ai protagonisti dei petrolchimici, dei fast food, dei cantieri edili e delle officine meccaniche qualche spazio in più, non avremmo attivato maggior corresponsabilità e adeguatezza ai tanti lavori e relativi mondi connessi?

Più formiche e meno cicale…

© Riproduzione Riservata.