BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

STIPENDI/ L’esperto: altro che 1983, il governo rischia di rispedirci negli anni ‘70

Secondo LUCA SOLARI la crisi, contestualmente a svariati provvedimenti del governo privi di organicità e senza un chiaro disegno politico, sta mettendo a repentaglio la pace sociale

Fotolia Fotolia

Per il sentire comune le “cose vanno sempre peggio”. In una triste sintonia, pare che questa volta il pensiero comune e quello economico coincidano. Insomma, anche il sentimento, in tal caso, ha una giustificazione tecnica. A riprova di ciò, ci sono gli ultimi dati dell’Istat che rivelano l’ennesimo record negativo: la variazione delle retribuzioni contrattuali orarie a marzo rispetto a febbraio è nulla, su base annua è del +1,2%. Ovvero, la crescita tendenziale è la più bassa almeno dal 1983, quando hanno avuto inizio le serie storiche. Dove andremo a finire? IlSussidiario.net lo ha chiesto a Luca Solari, docente di organizzazione aziendale all'Università degli Studi di Milano. «La crisi, ora, si sta rivelando in tutta la sua forza. I dati sulle retribuzioni denotano l’impossibilità di contrattare condizioni migliorative, mentre le imprese sono in crisi. Contestualmente, i meccanismi che hanno contribuito a una gestione morbida della crisi, quali gli ammortizzatori sociali, man mano che il tempo passa sono sempre meno in grado di contenerne gli effetti».

Frattanto, niente di quel che andava fatto è stato fatto: «Il debito pubblico in questi due anni non è stato abbattuto, le imprese non sono state ristrutturate, mentre la riforma del mercato del lavoro non è altro che un patchwork realizzato sulle base di semplificazioni che prescindono dall’economia reale». Le previsioni del professore sono tutt’altro che rosee: «Nel prossimo anno ci giochiamo la coesione sociale. Siamo realmente vicini a tornare a un contesto simile a quello della stagione degli anni ’70, quando l’impoverimento aveva superato i livelli di guardia, e la coesione sociale, anche per ragioni ideologiche, fu messa seriamente alla prova». D’altro canto, non si comprende né il senso, né i reali obiettivi di misure quali l’aumento significativo dell’imposizione fiscale su più fronti, l’introduzione di nuove gabelle, l’aumento dell’età pensionabile o la generazione di fenomeni quali gli esodati. «I provvedimenti, presi singolarmente, hanno come unica giustificazione la necessità di far comprendere alle istituzioni finanziarie che si sta definendo un certo tipo di società, improntata al rigore dei bilanci; il problema è che è del tutto assente una visione politica». Gli italiani non possono accettare di non conoscere in che direzione stanno andando. Tanto più che secondo i dati più benevoli la stangata di fine dell’anno ammonterà almeno a 2500 euro a famiglia. «I cittadini avrebbero potuto accettarla, ma solo a certe condizioni; se al contempo il governo avesse dimostrato di avere un’idea di Paese e di cercare di perseguirla». Così non è stato.