BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

IDEE/ C’è un "codice" che fa funzionare meglio il lavoro

Foto FotoliaFoto Fotolia

Adottare questa impostazione presuppone considerare l’etica d’impresa, diversamente da quanto ritengono molti manager, una questione che investe la sfera organizzativa tanto quella personale: se è vero che gli individui devono esercitare il loro giudizio morale e assumersi la responsabilità delle proprie scelte, è anche vero però che fattori organizzativi (obiettivi irrealistici, sistemi di incentivo perversi, mancanza di controlli, inadeguata formazione, mancanza di leadership etica) esercitano un forte influsso sul comportamento dei dipendenti. Ne consegue che l’insieme dei “valori” e dunque l’etica ha a che fare con il management: i manager infatti modellano il contesto organizzativo attraverso il loro comportamento, il loro disegno dell’organizzazione e dei suoi sistemi e la loro leadership che orienta il processo decisionale aziendale.

Il management è dunque il vero soggetto capace di dare un esempio di giustizia e correttezza dei valori base della cultura aziendale; la sua stessa leadership si basa sulla reputazione che esso ha presso dipendenti, clienti e fornitori. Tale reputazione poggia su due dimensioni che operano congiuntamente: la dimensione relativa al profilo della persona con i suoi valori, credenze e quella del manager che traduce tali orientamenti valoriali nel contesto organizzativo, la cui combinazione determina di come il management si comporta nelle varie situazioni e di come si attende che si comportino gli altri. 

Infatti, l’essere una “persona eticamente corretta” non trasmette alcun segnale agli stakeholders, se non quello di indicare il comportamento personale del manager in quanto individuo e non come rappresentante della sua funzione. Il comportamento nella sua connotazione organizzativa in termini di perfomance aziendale, non disgiunto quindi dalle competenze professionali, è ciò che, di fatto, può modificare il valore dell’azienda incidendo sulle modalità stesse di percezione.

Da questo punto di vista, la condivisione dei valori e dunque il comportamento etico, basato sui valori della giustizia, trasparenza, lungimiranza e bene comune, risulta essere un elemento in grado di generare valore per l’azienda in maniera duratura nel tempo ed in quanto tale può essere assimilabile ad un asset strategico intangibile dell’impresa.

 

© Riproduzione Riservata.