BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENSIONI/ Esodati. Bobba (Pd): Monti aveva promesso, ora li salvi tutti

LUIGI BOBBA spiega perché i numeri individuati dall’Inps sono verosimili; e attraverso quali meccanismi reperire le risorse per riuscire a salvaguardare tutti gli interessati

Fotolia Fotolia

Tutti gli altri avevano ragione. E lei torto. Gli esodati sono una marea. Più di 390mila. La Fornero ne aveva individuati 65mila, assieme alle deroghe necessarie per salvaguardarli, sostenendo che la cifra corrispondesse a quanti si trovavano già adesso in queste condizioni. E che, per tutti gli altri (che comunque non sarebbero potuti essere, secondo lei, più di 130mila), si sarebbe trovata una soluzione al momento opportuno. Sindacati, parlamentari e accademici le avevano più volte spiegato che i lavoratori interessati erano molti di più. Ora, grazie a un documento diffuso dall’Ansa, si scopre che l’Inps aveva consegnato una relazione al ministro - prima della firma del decreto che sanciva il numero di salvaguardati - in cui chiariva la reale situazione. Precisando quanti fossero effettivamente i cittadini penalizzati, tra esodati veri e propri, lavoratori in mobilità lunga, quelli che afferiscono ai fondi di solidarietà e chi partecipa alla contribuzione volontaria. Insomma, tutti coloro che avevano sottoscritto con le proprie aziende accordi per cessare il rapporto di lavoro in cambio della garanzia che, da lì a pochi anni, avrebbero potuto andare in pensione. Senza sapere che la riforma della disciplina avrebbe inasprito i requisiti e che si sarebbero trovati per anni senza lavoro e senza assegno previdenziale.

E adesso? «Quando il direttore dell’Inps venne in commissione meno di un mese fa e presentò una panoramica dei potenziali esodati, riservandosi di concludere, da lì a breve l’indagine, già allora fu chiaro che la platea di interessati era molto più ampia» afferma, raggiunto da ilSussidiario.net Luigi Bobba, vicepresidente della commissione Lavoro della Camera. «Quel dato, quindi, mi appare assolutamente reale. Si può inscenare la sua negazione. Sta di fatto che è evidente che l’individuazione dei primi 65mila venne fatta semplicemente a partire delle risorse disponibili». Sta di fatto che la Fornero ha manifestato «ai vertici Inps la propria disapprovazione e deplorato la parziale non ufficiale diffusione di informazioni che ha provocato disagio sociale». Ebbene: «Nel corso della conferenza stampa di fine anno, il professor Monti - dice Bobba - promise che nessuno sarebbe rimasto senza stipendio, senza pensione e senza mobilità. Si tratta esattamente di queste persone. E la proposta di legge che abbiamo presentato con Damiano come primo firmatario, ha l’obiettivo di interpretare le norme relative alla nuova disciplina - i cui criteri sono stati ristretti dalla Ragionerie generale - in modo tale da comprendere chi, effettivamente, ne è stato penalizzato». La proposta Damiano è stata un primo passo. «E' stata firmata anche da Pdl e Udc, mentre, adesso, anche Idv e Lega hanno presentato una proposta analoga. Stiamo lavorando per raggiungere, al più presto, la definizione di un testo unico». Ora, con l’ampliamento dell’Inps, pare che potrebbero servire fino a 12 miliardi di euro.