BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

LICENZIAMENTO STATALI/ L'esperto: ecco perché l'idea della Fornero è solamente "fantasia"

Foto: InfoPhoto Foto: InfoPhoto

La Cgia di Mestre fa intanto sapere che tra il 2001 e il 2009 il numero degli impiegati statali è diminuito di quasi 111mila unità (dai 3.637.503 del 2001 ai 3.526.586 nel 2009). Nonostante questo, emerge anche che la spesa totale degli stipendi è invece aumentata di 39,4 miliardi di euro (+29,9%), attestandosi nel 2009 verso i 171 miliardi di euro. Secondo il presidente Bortolussi, questi numeri mostrano chiaramente quanto "questi aumenti non siano finiti in tasca a bidelli o infermieri, ma abbiano avvantaggiato con ogni probabilità i livelli dirigenziali medio alti del nostro pubblico impiego". Anche il professor Varesi commenta i dati, ammettendo di esser rimasto molto sorpreso: «Tenendo conto del fatto che gli stipendi dei pubblici dipendenti in questi anni sono rimasti sostanzialmente fermi, come è possibile aver avuto una spesa così elevata? E’ vero che il lasso di tempo preso in considerazione dalla Cgia di Mestre è di quasi 10 anni, ma resta il fatto che da almeno 5 anni gli stipendi degli statali non aumentano di un solo centesimo. Rimango quindi molto sorpreso di fronte a questi numeri, soprattutto perché ritengo che non corrispondano alla realtà».

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
06/06/2012 - LICENZIARE I DIPENDENTI PUBBLICI? MAGARI! (Carla D'Agostino Ungaretti)

Ho lavorato per 36 anni in un ente pubblico. Di lavativi che bivaccavano per ore nei corridoi chiacchierando e fumando ne ho visti a decine e i dirigenti non potevano neppure sbarazzarsene rifilandoli a qualche altro ufficio perché i sindacati intervenivano pesantemente. Questi nullafacenti, che si crogiolavano percependo regolare stipendio nella fama di incapaci o di deficienti che si erano creati a bella posta, non avrebbero dovuto essere licenziati? Anche ora i lavativi allignano nel settore pubblico e la loro allergia al lavoro aggrava il lavoro degli altri colleghi più onesti e coscienziosi. Sfido qualunque pubblico impiegato a smentire quello che dico. Il governo sa benissimo queste cose ma il trdizionale buonismo italiano gli impedirà di dare una sterzata al malcostume.