BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Nei servizi al lavoro i soldi soltanto a chi porta risultati

Foto FotoliaFoto Fotolia

Premialità ad obiettivi ottenuti. Per un adeguato funzionamento delle iniziative è necessario che si istituiscano efficaci politiche di premialità, sulla base del raggiungimento degli obiettivi. Un incentivo al risultato ha il pregio di selezionare solo gli operatori migliori e di offrire al lavoratore criteri di misurabilità del grado di soddisfazione sulla base della qualità del servizio.

Qualificazione degli enti privati coinvolti. È inoltre fondamentale procedere a un’attenta qualificazione degli enti privati coinvolti: la titolarità di queste scelte deve continuare a essere parte integrante del compito di garanzia che il Pubblico deve esercitare nei confronti della collettività, ma occorre far evolvere il Sistema dell’accreditamento da un criterio meramente istituzionale a uno di eccellenza, promuovendo e qualificando solo gli enti che hanno mostrato risultati sul campo. Occorre eliminare tutti coloro che hanno avuto accesso ai contributi senza risultati.

Centralizzazione approcci di fondo e delocalizzazione scelte specifiche. In generale, va osservato che nella realizzazione dei servizi al lavoro è determinante l’obiettivo di ottenere la massima semplificazione ed efficientamento delle iniziative. Il policentrismo istituzionale non deve portare a un’eccessiva frammentazione delle politiche - anche in termini procedurali - pena la perdita di competitività degli operatori destinati ad inseguire un quadro regolatorio che muta da Regione a Regione e da Provincia a Provincia. Lo Stato, agendo attraverso un numero limitato e ben focalizzato di enti, deve definire alcuni criteri e un protocollo comune, concordato con le Regioni in sede di conferenza unificata, lasciando a un livello territoriale la definizione dei target cui rivolgersi e delle scelte attuative, certi di poter contare su un sistema regolatorio comune.

A partire da queste istanze sarà fondamentale dar luogo a dibattiti e aprire tavoli di confronto quanto prima, che accelerino il processo di definizione di un Sistema che - se davvero efficace - può rappresentare un’opportunità di crescita e non solo un fattore di assistenza. A questo dibattito non sarà possibile non coinvolgere anche interlocutori come le Agenzie per il lavoro, che in questi anni si sono prestate a svolgere numerose sperimentazioni nelle varie Regioni con risultati spesso eccellenti, contribuendo in tal modo a sviluppare nuovi e più efficaci percorsi per i servizi al lavoro nel nostro Paese.

© Riproduzione Riservata.