BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

SPENDING REVIEW/ Tagli ai sindacati. Santini (Cisl): colpire caf e patronati danneggia i cittadini

InfophotoInfophoto

I caf, infine: «Ricordiamo che lo Stato, riconoscendo l’esperienza positiva dei centri di assistenza fiscale, decise di riconoscerli e - considerandone il valore sociale e il know how di cui disponevano - chiese loro una mano nell’assistenza ai cittadini; stabilì, di conseguenza, un compenso che, oltretutto, è già stato ridotto. Anche in tal caso, gli oneri superano di gran lunga gli introiti. I soldi dallo Stato, infatti, arrivano in genere dopo due anni. Spesso, inoltre, la domanda è tale che è necessario integrare il servizio con risorse nostre, in aggiunta a quanto proviene dallo Stato». Le conseguenze delle scelte del governo potrebbero seriamente nuocere ancora una volta ai cittadini: «I caf si troveranno o nell’impossibilità di non erogare più servizi ai cittadini, o di aumentare, e di molto, i costi per gil utenti».

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
23/07/2012 - Basta "distacchi" (Giuseppe Crippa)

Da iscritto al suo sindacato mi rivolgo a Santini, persona disponibile ed aperta ad accettare la critica, con la massima franchezza: Non difenda i distacchi sindacali: le attuali tecnologie informatiche permettono facilmente uno svolgimento dell’attività sindacale totalmente al di fuori dell’orario di lavoro, come peraltro dovrebbe idealmente aver sempre avuto luogo. Con quadri sindacali che svolgessero la loro attività (se necessario pagata dagli iscritti in modo trasparente) soltanto al di fuori dell’orario di lavoro, l’attività sindacale sarebbe molto più focalizzata sulla contrattazione aziendale e molto meno politicizzata.