BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

IL CASO/ Quei “messaggi” che fanno crescere lavoro e imprese

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

La trasparenza nella gestione delle relazioni interpersonali insieme a quella delle informazioni sono gli strumenti più efficaci per la creazione di relazioni di fiducia, per alimentare un duraturo consenso dell’impresa e implementare il capitale sociale e relazionale d’impresa. La trasparenza è oggi il fattore intangibile necessario per attrarre e sviluppare valore economico attraverso partnership di lunga durata ed è un requisito fondamentale sul piano del confronto competitivo internazionale.

Infatti, le possibilità di mantenimento delle condizioni di successo aziendale risultano influenzate: dalla corretta percezione delle attese dei diversi attori sociali e delle connesse relazioni; dalla chiara consapevolezza delle risorse e delle capacità (tecniche, organizzative, commerciali) effettivamente disponibili; dalla conoscenza delle variabili e dei fattori esterni diversamente influenti su attività e risultati; dal fattivo orientamento di tutti i comportamenti gestionali secondo logiche di efficacia e di efficienza; dalla capacità di condivisione e comunicazione  di messaggi volti ad agevolare la conoscenza del grado di soddisfacimento delle attese; dalle capacità di istituzione di rapporti fiduciari e di gestione del consenso esterno.

La globalizzazione dei mercati e la tempificazione sempre più breve dei processi valutativi enfatizzano la rilevanza dei fatti e delle modalità di comunicazione per l’attivazione di relazioni positive tra azienda e ambiente. In particolare, risultano rilevanti i fenomeni divulgativi diretti a trasferire alle diverse tipologie di pubblico informazioni sul grado di soddisfacimento delle attese.

In questo contesto, per ottimizzare le performance, in termini di  remunerazione e la crescita di valore d’impresa nel tempo del capitale di rischio, le aziende devono procedere a un progressivo processo di integrazione tra le attività di corporate governance e di orientamento gestionale, attraverso una maggiore attenzione alle relazioni esterne e ai nessi di funzionalità tra attese, obiettivi gestionali, comportamenti e risultati.

E’ dunque  particolarmente importante predisporre opportune fonti informative, per agevolare la corretta percezione delle diverse attese associate all’attività, l’apprezzamento dei vincoli e dei condizionamenti interni ed esterni e la selezione di validi modelli di interazione diretti a combinare costruttivamente componenti materiali e immateriali.



  PAG. SUCC. >