BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

ILVA TARANTO/ D'Isabella (Cgil): gli investimenti non bastano a salvare azienda e lavoro

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

I custodi, in base ai differenti impianti, dovranno definire quali sono i programmi per un’adeguata ambientalizzazione e i vari interventi previsti. Sotto questo punto di vista non possiamo quindi fare altro che seguire con attenzione gli sviluppi della situazione, ricordando l’intenzione da parte del sindacato di essere protagonista. Proprio per questo stiamo tentando di offrire un valido contributo alla procedura dell’Aia anche attraverso i nostri tecnici, naturalmente senza alcuna presunzione a riguardo.

Il procuratore è stato chiaro: stop alle emissioni o si chiude.

Non è certamente una novità. Si può descrivere in tante maniere diverse ma resta questo il vero nodo dell’intera questione. Siamo evidentemente arrivati a un punto di svolta in cui è necessario trovare tutte le adeguate condizioni, da ogni punto di vista, e investimenti tali da poter fare un vero salto di qualità. In caso contrario, rischiamo di veder solamente peggiorare la situazione.

 

(Claudio Perlini)

© Riproduzione Riservata.