BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FIAT/ Uliano (Fim-Cisl): i 2mila "esuberi" a Pomigliano? Un’operazione mediatica di Landini

I 2mila esuberi, spiega FERDINANDO ULIANO, non sarebbero tali. Si tratta di lavoratori in cassa integrazione che, se fosse dipeso dalla Fiom, avrebbero perso per sempre il lavoro  

Infophoto Infophoto

Ci sarebbero 2mila esuberi a Pomigliano. Ci sarebbero, perché, a sostenerlo - anzi, a dedurlo - è Maurizio Landini, Segretario generale della Fiom. Dopo che il Tribunale di Roma ha respinto il ricorso presentato dalla federazione dei metalmeccanici della Cgil contro 19 procedure di mobilità annunciate dall’azienda, Landini si è convinto che la colpa sia di tutti gli altri sindacati. «Il fatto che il Tribunale abbia rigettato il nostro ricorso per dichiarare illegittima la procedura di mobilità - ha spiegato - è dovuto al fatto che due giorni prima gli altri sindacati, Fim, Uilm, Fismic e Ugl, hanno firmato un verbale che riconosce che a Pomigliano ci sono più di duemila esuberi». Abbiamo chiesto a Ferdinando Uliano, Segretario nazionale della Fim-Cisl come stanno le cose.

Landini vi addebita delle colpe mica da ridere.

Landini fa finta di non sapere che attraverso quel verbale, in cui non abbiamo condiviso la richiesta di mobilità avanzata da Fiat, invitando l’azienda a non agire unilateralmente, né a procedere con licenziamenti, abbiamo creato le condivisioni per salvare tutti i lavoratori di Pomigliano. Non solo quei 19 che stanno a cuore alla Fiom, e che sono tra i suoi iscritti.

Ci spieghi meglio.

Avevamo stipulato con Fiat un accordo che la impegnava a ricollocare tutti i lavoratori entro il luglio del 2013. A oggi, a Pomigliano, lavorano circa 3140 lavoratori di cui  2150 nella newco Fabbrica Italia Pomigliano e circa 990 in  FGA; 1400, invece, sono cassa integrazione. L’intesa che abbiamo siglato e il recente verbale di non accordo sulla mobilitazione consentono non solo a quei 3140 lavoratori di continuare a svolgere le proprie attività, ma anche di far sì che si determinino le condizioni perché anche gli altri 1400 possano tornare al lavoro. Landini, dal canto suo, ha semplicemente messo in campo delle azioni legali per anticipare l’ingresso di alcuni iscritti dellla Fiom. Noi, a differenza sua, abbiamo creato i presupposti perché si possa andare oltre luglio 2013.

Perché oltre?

Perché sappiamo benissimo che l’andamento del mercato difficilmente consentirà il riassorbimento di quei 1400. Abbiamo chiesto, quindi, a Fiat di costruire una risposta che superi, anche giuridicamente, il dualismo di Pomigliano. Ove esistono due società, in virtù della creazione della newco determinata da una scelta adottata dalla Fiom.

Perché imputa alla Fiom la nascita della newco?