BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

ELEZIONI 2013/ Il "compromesso" che toglierà lavoro all’Italia

InfophotoInfophoto

Chi si dice abbastanza soddisfatto dall’attuale legge è chiaramente lo schieramento guidato da Mario Monti. Anche se il Professore ha ammesso diverse volte che non è la migliore delle riforme possibili, secondo il leader di Scelta Civica era il passo più grande che si potesse fare con la “strana maggioranza”. La posizione di Fare per Fermare il Declino è invece quella più liberale. La riforma Fornero è considerata troppo rigida e di fatto, più che far fare un passo in avanti in Italia, rischia di trascinare nel baratro l’Italia.

È bene ricordare che il vero dramma italiano non è tanto la disoccupazione, ma il fatto che i giovani e le donne ormai abbiano perso la speranza di cercare un lavoro. I tassi di attività italiani sono inferiori a quelli spagnoli e sarebbe bene effettuare le riforme che il nostro Paese necessita.

Una cosa è chiara dai programmi elettorali: qualunque schieramento vinca è difficile che possa avere la maggioranza assoluta e quindi, ancora una volta, la prossima riforma del lavoro sarà un compromesso al ribasso. L’Italia non ha bisogno di questo, ma purtroppo il rischio che succeda è estremamente elevato.

© Riproduzione Riservata.