BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENSIONI/ Esodati. Scandroglio: così il Pdl ne salverà altri 140mila

Oltre al fondo di solidarietà istituito con l’ultima legge di stabilità, afferma MICHELE SCANDROGLIO, sarà possibile tutelare gli esodati con l’aumento delle tasse sul gioco d’azzardo

Infophoto Infophoto

Va dato atto ai gruppi parlamentari d’aver, sin qui, mostrato una certa dedizione alla causa; fosse stato per la Fornero, la vicenda sarebbe stata insabbiata. Senza il pressing parlamentare dei tre principali partiti, il ministro non avrebbe, probabilmente, neppure ammesso l’esistenza degli esodati. Pochi giorni fa, a riprova delle sua scarsa percezione del problema, a chi le chiedeva se, effettivamente, fossero almeno ancora 140mila le persone da tutelare (in procinto di restare senza lavoro e senza pensione per gli errori contenuti nella sua riforma), ha risposto: «Non mi risulta, chiedete all’Inps». E’ stato chiesto all’Inps, il quale ne ha confermato l’esistenza. Ricapitolando: circa 140mila sono stati salvaguardati attraverso tre provvedimenti adottati dal Parlamento. Ne restano, più o meno, altrettanti. Abbiamo chiesto a Michele Scandroglio, onorevole del Pdl in commissione Lavoro, come intenda comportarsi il suo partito, in merito alla questione, nella prossima legislatura.  

Quali sono, secondo lei, le priorità?

Tanto per cominciare, vorremmo finalmente sapere la verità rispetto alle cifre; a oggi, il balletto dei numeri provocato della Fornero ci ha messo nell’impossibilità di dare una risposta definitiva al problema. Il modificarsi continuo della platea di meritevoli di tutele ha fatto sì che qualunque soluzione rappresentasse un semplice pannicello caldo.

Quindi?

Oltre a sapere quanti sono gli esodati, è necessario comprendere a quali categorie effettivamente appartengano; ancora, per esempio, non conosciamo l’entità di quanti hanno sottoscritto degli accordi individuali, né se vi siano alcuni che, in realtà, le tutele non le meritino. Non escludiamo, inoltre, l’ipotesi di consentire a qualcuno di tornare in servizio per uno o due anni. Si dovrà operare, infatti, compatibilmente con i conti che lascerà questo governo. Laddove non si potesse procedere con le deroghe, permettendo loro di andare in pensione con le norme precedenti alla riforma della disciplina, occorrerà individuare soluzioni alternative.

Come pensate di agire?

Riteniamo che il fondo di solidarietà istituito con l’ultima Legge di stabilità sia, in virtù della sua capacità di calamitare risorse e risparmi non previsti, lo strumento principale. Non dimentichiamo, in ogni caso, che la definizione è impropria: gli esodati sono persone che rischiano di trovarsi senza reddito da pensione o da lavoro per un errore del ministro che, elevando radicalmente l’età pensionabile, non si curò di quanti avevano stipulato con le proprie aziende un accordo di uscita anticipata da lavoro. Nei confronti di costoro, quindi, non è richiesto un atto di “solidarietà”, quanto, piuttosto, di giustizia.

Lei ha firmato un disegno di legge che propone l’innalzamento delle imposte sul gioco d’azzardo per finanziare questo fondo di solidarietà. Che fine ha fatto?