BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

DISOCCUPAZIONE/ Istat: superato il record negativo del 1977, 12,2%. I giovani al 40%

Per la prima volta nella storia della Repubblica il tasso di disoccupazione giovanile sfora il 40%. Malissimo anche per le altre fasce di età, record negativo del 12,2%

Foto InfoPhoto Foto InfoPhoto

E' altissimo il tasso di disoccupazione oggi in Italia, tanto da superare quello che era il record negativo del lontano 1977. Secondo i dati diffusi oggi da Istat infatti si è toccata la cifra del 12,2% mentre per i giovani si tocca la punta drammatica del 40,1%. Il rialzo su base annuale è dunque dell'1,5%. Spaventano le cifre che riguardano la disoccupazione giovanile, cioè le persone tra i 15 e i 24 anni: si alza del 5,5% su base annua toccando il 40,1%. Il dato significa che per la prima volta in Italia si sfora il 40%, il punto più alto da quando si calcola in termini di serie mensili e cioè il 2004 e in termini trimestrali, dal 1977. In numeri, i disoccupati in questa fascia di età significa 667mila giovani in cerca di lavoro, l'11,1% della popolazione compresa in quella fascia di età. Tutto questo quando solo ieri lo Cnel parlando di disoccupazione diceva di una mancanza di lavoro ormai strutturale e non risolvibile. 

© Riproduzione Riservata.