BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

STAGE/ Quanto dura, come funziona, quanto si guadagna: le "istruzioni per l’uso"

FotoliaFotolia

Chi sono i soggetti che mi supportano durante lo stage e a cui rispondere?

Il tutor del soggetto che ti ospita e il referente dell’ente promotore. Il tutor è individuato tra i lavoratori in possesso di competenze professionali adeguate e coerenti con il progetto formativo individuale, è responsabile dell’attuazione del tuo piano formativo e dell’inserimento e affiancamento sul luogo di lavoro. Il referente del promotore, invece, monitora l’andamento dello stage in base al progetto con l’obiettivo di assicurare la soddisfazione sia tua che dell’impresa ospitante. È la persona a cui devi riferire gli esiti dell’esperienza che stai facendo.

 

Alla fine dei 6 mesi posso iniziare un nuovo stage con la stessa impresa?

Una volta esaurito il periodo di durata massimo, salvo il caso delle proroga per maternità o malattia lunga, il tirocinio non può essere rinnovato con il medesimo soggetto ospitante.

 

E posso avere più stage contemporaneamente con imprese diverse? O uno stage e un rapporto di lavoro dipendente sempre con imprese diverse?

Sì, il tirocinante può effettuare più tirocini presso aziende diverse. Nei limiti temporali di presenza previsti presso il soggetto ospitante, è poi possibile avere in corso, con un altro soggetto, un rapporto di lavoro subordinato, direi a tempo parziale o anche prestazioni di lavoro occasionale.

 

Alla fine dello stage mi viene rilasciata una certificazione?

L’ente promotore, al termine del tirocinio, anche sulla base della valutazione del soggetto ospitante, rilascia un’attestazione dei risultati, specificando le eventuali competenze acquisite. L’esperienza di tirocinio effettuata va registrata sul Libretto formativo del cittadino (è necessario il 70% di presenza).

 

Si può concludere prima lo stage?La società che mi ospita mi può assumere dopo lo stage?

Non trattandosi di un rapporto di lavoro subordinato, è sempre possibile che il tirocinante receda liberamente (ad esempio, perché ha trovato un posto di lavoro, perché si trasferisce all’estero e così via) prima che sia compiuto il periodo previsto. D’altra parte, anche se non è un rapporto di lavoro subordinato, l’impresa può comunque interrompere il periodo di tirocinio nel caso in cui lo stagista ponga in essere comportamenti incompatibili con il corretto e proficuo svolgimento del tirocinio. È invece possibile in qualunque momento risolvere lo stage per accordo tra le parti. Tutte le situazioni di chiusura anticipata del tirocinio devono essere rappresentate al referente del soggetto promotore. Il tirocinio si conclude automaticamente nel momento dello scadere del termine previsto. Al termine dello stage, con la stessa azienda, ove ne ricorrano le condizioni potrai iniziare un contratto a termine, a tempo indeterminato o un apprendistato.

 

Proprio perché lo stage è una materia in continua evoluzione e necessita di continui aggiornamenti (anche solo perché “Regione che vai (legge sullo) stage che trovi”) ti suggerisco di consultare il sitoRepubblica degli stagisti, molto utile, pieno di aggiornamenti e approfondimenti in materia, che vuole proprio dare “voce” a chi inizia uno stage come te!

© Riproduzione Riservata.