BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

DISOCCUPAZIONE RECORD/ Gotti Tedeschi: è tutta colpa del non aver fatto figli

InfophotoInfophoto

La domanda da porsi potrebbe essere: l’Alitalia ha vantaggi valorizzabili? E come? Forse la risposta è si, ma il “salvataggio” potrebbe non esser quello di cederla a un competitore che si sovrappone a essa e la userebbe per salvare se stesso, bensì a un operatore che ha bisogno dei suoi vantaggi non ancora pienamente sfruttati, come i due hub di Milano e Roma, preziosissimi per linee aeree “lontane” dall’Europa. L’Alitalia non è una “sacca improduttiva”, è un valore da valorizzare nel modo giusto.

 

Secondo recenti rilevazioni Ocse, l’Euro avrebbe reso gli italiani più poveri. È colpa delle retribuzioni tra le più basse d’Europa o ci sono altre responsabilità?

Non rispondo alla domanda come lei propone, ormai l’Euro c’è ed è inutile domandarsi continuamente se abbiamo fatto bene o no a entrarvi. Ma non si gestisce una moneta se non si gestisce l’economia sottostante che ne genera il valore. Mi pare evidente che l’euro debba esser governato da un governo europeo. Senza più indugiare però. A quel punto si possono immaginare politiche economiche per l’eurozona, quali la svalutazione dell’euro verso il dollaro per arrivare alla parità. Questo permetterebbe di crescere l’export dell’eurozona, crescere il Pil, crescere l’occupazione e i salari, ridurre lo sbilancio commerciale, risolvere i problemi dei crediti delle banche, uscire dalla recessione. Si dirà che cresceranno alcuni prezzi (energetici) alla importazione. Bene, così faremo finalmente scelte strategiche opportune, come han fatto gli Usa.

 

Legge di stabilità: è questa secondo lei una manovra che, anche se timidamente, introdurrà segnali di inversione di rotta (la diminuzione della tassazione) o manterrà comunque troppo alto il prelievo fiscale?

È sicuro che un governante oggi abbia lo spazio per gestire soluzioni economiche nel suo Paese prescindendo dal consenso degli altri paesi dell’eurozona? Credo che per “invertire la rotta”, si debbano rivedere i parametri di Maastricht, in accordo con gli altri partners europei.

 

A proposito della crescita a debito dell’Europa e dell’Occidente intero, la Cina detiene oggi circa 1.300 miliardi di dollari in titoli del Tesoro Usa. Ha ragione chi dice che tra 20 anni massimo gli Usa dichiareranno guerra alla Cina?

Non credo proprio, per ridurre il debito (un debito che finanzia import Usa dalla Cina) c’è una strada più semplice e meno cruenta. Si chiama inflazione...

 

Il sistema tecno-capitalista sembra giunto a un giro di boa. Lei cosa prevede?

Beh la globalizzazione ha soppresso molti gruppi industriali tradizionalmente trainanti l’economia, ha modificato il ruolo, e il potere, delle banche. Ha cancellato i partiti politici ideologici e ha inventato quelli da palcoscenico, o quelli “tecnici”, ecc. Soprattutto sono morti i poteri cosiddetti forti a livello locale. Prepariamoci a take-over, più o meno ostili, più o meno mascherati, di poteri governanti il nuovo globalcapitalismo. Ma si rifletta, ciò è bene o è male, allo stato delle cose?

 

(Giuseppe Sabella)

 

In collaborazione con www.think-in.it

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
01/11/2013 - Svalutare l’euro si può e si deve (Carlo Cerofolini)

Indubbiamente la svalutazione dell’euro sul dollaro - di circa il 30% - per riportarlo in parità si può e si deve fare, perché darebbe una spinta potente soprattutto alle nostre esportazioni ed è presumibile che questo ci porterebbe ad un maggior incasso stimabile di circa 35 miliardi annui e così ci salveremmo da una rovina economica e sociale annunciata.

 
01/11/2013 - La colpa è delle politiche fallimentari (Carlo Cerofolini)

L’Italia "ha fatto pochi figli": non è che questa sia la chiara dimostrazione di come negli ultimi 40 anni si siano attuate e tutt’ora si attuino politiche, comprese quelle fiscali, e campagne contro la famiglia ed i suoi valori? Questo nonostante, ciò che recita la nostra Costituzione - agli articoli 29 e 31 - sulla famiglia e la presenza di forze politiche, sociali e confessionali forti, che avrebbero come ragione sociale proprio quella di valorizzarla e favorirla in ogni suo aspetto,come appunto imporrebbe la Costituzione stessa.