BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

JOB ACT/ Flessibilità e contratto unico, il doppio "abbaglio" di Renzi sul lavoro

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Certamente un costo eccessivo del cuneo fiscale rappresenta un freno all’economia e come conseguenza indiretta anche all’occupazione. Ritengo che il sistema vada reso più conveniente per le imprese, lavorando sul cuneo fiscale in modo strutturale. Bisogna smetterla di concentrare l’attenzione delle riforme sull’ingresso e sull’uscita dal mercato del lavoro, come fa ancora una volta il progetto del Job Act di Renzi. Non esiste infatti la possibilità di agire sulle regole del mercato del lavoro, se prima non c’è il lavoro stesso.

 

Lei quindi quale riforma del lavoro propone?

Negli ultimi anni abbiamo sempre assistito a riforme che vanno a modificare le regole dei flussi, ma non siamo stati in grado di introdurre una legge che faccia funzionare il lavoro meglio e in modo più efficiente. È maturo il tempo per passare da una riforma del mercato del lavoro a una riforma del lavoro, cioè del modo in cui quest’ultimo funziona, si articola, si struttura e si organizza in azienda. Questa è la vera sfida, e non invece ritornare sull’articolo 18, che, come ci insegna la storia degli ultimi anni, procura soltanto grandissima confusione, ma non aggiunge un solo posto di lavoro in più.

 

In che modo una legge può intervenire sul modo in cui si lavora in azienda?

Una riforma in questo senso può favorire la realizzazione di contesti organizzativi sempre più partecipativi e sempre meno conflittuali. Le imprese italiane hanno ancora un modello di organizzazione del lavoro eccessivamente gerarchizzato, vincolato dalle strutture aziendali, poco flessibile nelle dinamiche interne, nella possibilità di muoversi da un settore all’altro e di crescere sotto il profilo della carriera professionale.

 

Fino a che punto le dinamiche interne a un’impresa dipendono dalle leggi?

Le nostre leggi sono poco utili alle aziende nel momento in cui si rende necessaria una ristrutturazione non in termini di numero di dipendenti, bensì dal punto di vista qualitativo chiedendo al personale di riqualificarsi. L’Italia non ha strumenti legislativi che agevolino le aziende con detrazioni sulle spese di riqualificazione. Abbiamo un sistema normativo che non contempla l’idea di un’azienda dove a prendere le decisioni non sia solo il vertice supremo, ma anche i livelli intermedi con uno spazio di autonomia che per il momento ci sono preclusi.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.