BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

IDEE/ Donne e lavoro, così Monti prova ad avvicinarli

Martedì 12 febbraio 2013, Mario Monti, fedele al suo programma di valorizzazione della donna, incontrerà a Roma una delegazione di donne dei movimenti, delle istituzioni, delle associazioni

InfophotoInfophoto

Domani il Presidente Mario Monti incontrerà delegazioni di donne dei movimenti, delle istituzioni, delle associazioni: l’appuntamento è a Roma dalle 10,30 alle 12,30, in Via Torino 146, e l’obiettivo è quello di sapere cosa vogliono le donne per il nostro Paese e per un Paese che promuova anche attraverso di loro, la loro forza e rappresentatività, lo sviluppo. Monti lo avevo detto: sarà un programma elettorale e di governo che valorizzerà la figura femminile fondamentale per il contesto in cui viviamo. Ha mantenuto la promessa e senza presunzione di completezza ha chiesto idee, proposte e soluzioni e naturalmente è stato aiutato ad individuarle.

Nel programma la questione femminile prende spazio e credibilmente, poiché si trovano sia le priorità, sia anche la copertura economica per realizzarle. Si afferma che è necessario superare l’idea che le politiche di conciliazione riguardino solo le donne, che solo loro abbiano il problema di bilanciamento tra il lavoro professionale e il lavoro di cura, perché questa convinzione finisce per tutelare gli uomini a spese della finanza pubblica. L’introduzione di nuovi diritti per la conciliazione famiglia-lavoro per uomini e donne, e dunque anche l’ampliamento dei congedi parentali introdotti dalla Riforma Fornero, può essere finanziata attraverso un uso più corretto, senza variare il costo del lavoro, dei contributi versati per l’assegno al nucleo familiare, il cui avanzo di gestione, nel bilancio Inps, è in attivo e a tutt’oggi viene dirottato a finanziare gestioni deficitarie.

Un aiuto importante può venire dallo sviluppo del welfare aziendale incentivando le imprese anche attraverso gli accordi e le buone pratiche raccolte dall'Osservatorio nazionale della contrattazione sviluppato dalla struttura della consigliera nazionale di parità, via via che la crescita economica lo permette, per istituire asili aziendali o stipulare convenzioni con asili del territorio per garantire posti ai figli dei dipendenti o costituire cooperative di “baby nido” interaziendali, pubbliche/private.

Si possono mettere in atto misure di lavoro flessibile, come la possibilità di accorpare gli straordinari ai congedi di maternità e di paternità, facendo rientrare queste misure negli accordi di produttività e riconoscendo le agevolazioni fiscali e contributive stanziate a questo proposito,o ancora sviluppare sperimentalmente detassazione del lavoro femminile. Le esperienze del welfare aziendale sono terreno di buone pratiche da diffondere: le piccole imprese possono trovare specifica risposta negli enti bilaterali favorendo la costituzione di fondi dedicati al sostegno delle famiglie dei lavoratori e delle lavoratrici per far fronte al pagamento delle rette degli asili nido e dei servizi per la famiglia.