BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PENSIONI/ Esodati. Carlino (Rivoluzione Civile): aboliamo la riforma Fornero o mettiamo una patrimoniale

InfophotoInfophoto

Pensiamo che tutti coloro che sono stati penalizzati dalla nuova disciplina vadano salvaguardati con delle deroghe. Devono, cioè, poter andare in pensione con le norme previste dalla discplina precedente alla riforma. Tutti, nessuno escluso.

In che modo pensate che si possa raggiungere l’obiettivo?

Si continua a sostenere che mancano le risorse. Le risorse si possono trovare, eccome. Introducendo, anzitutto, una patrimoniale sulle grandi ricchezze. Si tratta di una questione di equità sociale. E’ necessario sottrarre di più a chi ha di più. Il ceto medio basso, in questi ultimi mesi è stato particolarmente martoriato. Occorre, a questo punto, procedere a un’opera di redistribuzione. A questo, va affiancata un’azione decisiva di lotta alla corruzione. Ulteriori risorse, infine, si possono recuperare dalla lotta all’evasione fiscale, attraverso il potenziamento dei vari sistemi di controllo. 

Crede che il prossimo governo, qualunque esso sia, riuscirà a porre un argine alla Ragioneria generale dello Stato che, sin qui, ha impedito di sanare la situazione?

Lo spero. Lasciare gli esodati in una tale situazione sarebbe altamente immorale.

Come si è arrivati a questo punto?

La Fornero, nonostante l’Inps l’avesse avvisata, ben prima di varare la riforma, del fenomeno che si sarebbe prodotto, non ha voluto dare ascolto a nessuno. Ma ha preferito procedere egualmente senza, in seguito, riconoscerei propri errori.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
15/02/2013 - Pensioni/Esodati. (Angela Sala)

Penso che l'esito di queste elezioni non dipenda dai partiti ma dal cambiamento che i cittadini stessi intendono fare con l'unica arma che hanno a disposizione, cioè il voto. Gli esodati hanno avuto molta pazienza, di promesse se sono sentite tante ma i problemi poi sono rimasti sul tavolo ed ora vogliono delle certezze concrete. Ingroia è l'unico che ha detto chiaramente cosa vuole fare e come la pensa e quindi ognuno in coscienza deve decidere se vuole che le cose cambino o se vuole continuare a lamentarsi x poi votare sempre gli stessi.Monti e Fornero nn riconoscono le loro resposansabilità dimostrando di essere ciechi sia prima che dopo verso i cittadini,questa riforma ha fortemente penalizzato i pensionandi e i lavoratori,nn ha tenuto conto delle deroghe della legge Amato,ha messo un limite di età x la pensione senza tenere conto che ci sono lavori in cui è impensabie lavorare fino a quella età,ha tolto diritti acquisiti,ha messo tanti paletti nn accettabili,ci sono tanti motivi xchè questa riforma vada necessariamente eliminata.

 
14/02/2013 - Esodati e prossime elezioni (Walter Lombardi)

Sono uno degli indecisi e vorrei votare in base ai programmi presentati dai partiti e alle dichiarazioni dei principali esponenti. Vorrei confrontare le intenzioni dei vari candidati nei confronti degli Esodati. Tutti, inclusa la stessa autrice della riforma pensionistica Elsa Fornero, riconoscono gli errori nei confronti degli Esodati ma pochi hanno chiaramente espresso come rimediare. Attendo dichiarazioni chiare, inequivocabili e concrete, senza generiche assicurazioni pre-elettorali.