BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

VOLKSWAGEN/ Del Conte (Bocconi): i 7200 euro ai lavoratori? In Italia i sindacati non lo permetterebbero...

InfophotoInfophoto

Perché da noi, la storia del movimento sindacale è legata alla frammentazione politica dell’arco parlamentare. All’interno delle diverse componenti associative, si è riprodotta la divisione politico-ideologica del Parlamento. Il che, non ha consentito al sindacato di emanciparsi dalla logica secondo cui deve concepirsi come cinghia di trasmissione tra il mondo politico e quello industriale, e non come un semplice strumento di miglioramento delle condizioni di lavoro.

Evidentemente, i sindacati temono di perdere parte del proprio potere...

Nel lungo periodo, se passassero al modello tedesco, ci guadagnerebbero. Otterrebbero, anzitutto, reale legittimazione, di cui oggi sono privi. I lavoratori, del resto, sono sempre più stufi di essere rappresentati da soggetti la cui destinazione finale sia entrare in Parlamento o in qualche organo di partito. Vorrebbero sindacalisti che si occupano dei propri problemi.

A che condizioni un cambiamento del genere è possibile?

C’è un problema di classe dirigente sindacale, ancora legata alle vecchie logiche di stampella al potere politico. Dubito che il cambiamento possa avvenire attraverso la legge che, normalmente, è la conseguenza di una mutazione culturale e sociale del Paese. In sostanza, non si può di cambiare la testa della persone per via legislativa. Oggi il sindacato versa in una crisi di cui deve comprendere le ragioni. Le associazioni maggiormente legate ad appartenenze politiche devono prendere coscienza di come tale legame costituisca un peso che rischia sempre più di affossarle.

 

(Paolo Nessi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
28/02/2013 - Non è del tutto esatto (Moeller Martin)

Mi permetto di fare notare come i fatti da Lei riportati correttamente vengono poi interpretati in modo errato adottando un metro di giudizio italiano. Per capirci bene, nulla a che fare con la concertazione italiana: il sindacato è si presente nel consiglio di amministrazione delle grandi società, ma senza alcun diritto di veto e generalmente in posizione di minoranza. Di conseguanza il sindacato è informato sulla reale situazione e sulle strategie dell'azienda, ma non per questo si può parlare di cogestione o di codeterminazione azienda-sindacato. Volendo trasferire alla Fiat il modello Volkswagen, il sindacato conoscerebbe i dettagli del progetto 'Fabbrica Italia', ma a guidare il gruppo è e resta Marchionne.