BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Investire sugli apprendisti per tornare a crescere e fermare la disoccupazione

Infophoto Infophoto

Da questo punto di vista siamo convinti che il ruolo delle Agenzie per il lavoro possa costituire un grande e prezioso aiuto alla corretta divulgazione dell’apprendistato. Innanzitutto perché tecnicamente capaci di supportare le parti in causa circa l’espletamento delle formalità amministrative e la corretta individuazione e gestione dei percorsi formativi necessari: con la loro capillare presenza sul territorio le Apl sono infatti in grado di diffondere, soprattutto nelle piccole e medie imprese, tutto il know-how disponibile per l’utilizzo dello strumento. E questo è tanto più vero in caso di gestione diretta, attraverso il contratto di somministrazione, degli apprendisti nelle aziende. In tal modo, infatti, la realizzazione del piano formativo è direttamente a cura delle Agenzie, che possono così individuare le migliori soluzioni per tutti.

Le persone potranno sviluppare un’ importante tappa del proprio percorso lavorativo - perseguendo una sempre più necessaria employability - avendo nelle Apl un prezioso alleato per una maggiore sicurezza professionale nel caso in cui si presentasse la necessità di una loro ricollocazione: ipotesi purtroppo non impossibile, visti i tempi in cui ci troviamo, che non sempre permettono alle imprese una chiara visibilità di medio termine. Le aziende, dal canto loro, saranno orientate e supportate nella costruzione di professionalità sempre più utili per competere nel medio e lungo termine, in un mercato che richiede competenze sempre più mirate.

Inoltre, grazie alla loro bilateralità, le Agenzie per il lavoro hanno a disposizione fondi da dedicare alla formazione e questo potrebbe facilitarle nel divenire un partner sempre più strategico per il Governo e le Regioni nel diffondere su larga scala, verso le imprese e verso i giovani che si affacciano al mondo del lavoro, questa cultura della creazione di valore nel lavoro. Perché non dare vita, allora, a una politica attiva pubblica che, tramite voucher alle imprese con meno di 100 dipendenti, stimoli all’acquisizione di servizi al lavoro per l’avviamento di apprendisti tramite le Agenzie?

© Riproduzione Riservata.