BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

PENSIONI/ Esodati. Cantone (Cgil): diventeranno più di 350mila. Tagliamo le spese militari

Secondo CARLA CANTONE gli esodati sono destinati a diventare sempre di più. All’emergenza di chi è rimasto senza reddito da pensione e da lavoro si somma la scadenza della Cig

InfophotoInfophoto

Oggi è il giorno dell’ultimo decreto sugli esodati. Dell’ultimo della prima serie di tre, per lo meno. La sua approvazione garantirà la salvaguardia per altre 10mila persone che, per gli effetti dell’inasprimento repentino dei requisiti pensionistici, rischiavano di restare senza reddito da lavoro e da pensione. In particolare, il provvedimento odierno riguarda 2.560 persone in mobilità ordinaria o in deroga, 1.590 contributori volontari, 850 prosecutori in attesa di concludere la mobilità e 5.130 lavoratori cessati, ossia i veri e propri esodati, coloro, cioè, che hanno sottoscritto degli accordi con le proprie aziende per cessare il rapporto lavorativo anzitempo in cambio di un congruo indennizzo. Ebbene: la strada è ancora lunga e siamo a quota 130mila salvaguardati. Secondo i calcoli di Inps e Cgil, ne mancano ancora tra i 160 e i 170mila. Carla Cantone, segretario generale dello Spi-Cgil, ha appena partecipato a una manifestazione di fronte al Parlamento assieme a Cisl e Uil per sottoporre alla forze politiche proprio la questione degli esodati. Abbiamo fatto con lei il punto sulla situazione.  

Oggi, viene approvato l’ultimo decreto sugli esodati.

Il decreto aggiunge alcune migliaia di tutela. E’, indubbiamente, un provvedimento, importante, ma ben lungi dall’essere risolutivo. Siamo tuttora di fronte a un’emergenza sociale di enormi dimensioni.

Quanto enormi?

Considerando quelli già tutelati dai tre successivi provvedimenti, si tratta di almeno 350mila persone.

L’Inps diceva 292.000.

350mila è la stima relativa alle nostre banche dati territoriali. In ogni caso, significa che i calcoli dell’Inps sono decisamente più vicini ai nostri che a quelli effettuati dal ministro Fornero. Si ricorderà che, all’inizio della vicenda, sostenne che gli esodati non sarebbero stati più di 65mila. Resta il fatto che l’emergenza è destinata a crescere nel tempo.

Perché?

Dobbiamo considerare che, con il tempo sempre più persone si troveranno nella condizione di non avere più un reddito. Pensi a tutti quei lavoratori 55-60enni che, nei prossimi mesi, perderanno il posto perché, magari, la piccola-media impresa che li ha assunti avrà fatto fallimento o perché non sarà più in grado di pagar loro lo stipendio. Di fatto, saranno degli esodati. Non dimentichiamo che questo dramma sociale rischia di essere ulteriormente accentuato dalla scadenza delle risorse per la Cassa integrazione in deroga.

Ci spieghi meglio.