BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIFORMA LAVORO/ Licenziamenti, ecco dove sbaglia chi accusa la Fornero

Elsa Fornero (Infophoto) Elsa Fornero (Infophoto)

La legge Fornero interviene nel momento della più grande depressione economica che il Paese abbia mai vissuto da decenni. Si tratta di una norma che semplicemente cerca di spostare le convenienze delle imprese ad assumere con un contratto invece che con un altro. Il fatto che non si possano assumere con leggerezza i lavoratori con contratto di lavoro intermittente, non può avere nessun nesso causale con un milione di licenziamenti.

 

Per quale motivo quindi la Fornero è finita nella bufera?

E’ in atto una manovra politica di chiara origine per demonizzare la legge Fornero. Chi però ragiona sui dati economici con un minimo di razionalità, cercando di superare le passioni politiche, ha delle evidenze chiarissime. In un contesto di grave recessione, in cui l’economia è in crisi, la disoccupazione aumenta, la legge Fornero ha spostato la propensione dei datori di lavoro ad assumere con alcune forme di contratto piuttosto che con altre. Questo spostamento, che qualcuno può chiamare vincolo, è stata in realtà una pulizia del mercato del lavoro, perché alcune forme di lavoro utilizzate impropriamente fossero meno facilmente utilizzabili, anche se ciò può avere scoraggiato più di quanto ci si aspettasse i datori di lavoro.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.