BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

FESTA DEL LAVORO(?)/ I numeri che mettono in allarme Giovannini

Enrico Giovannini (Infophoto)Enrico Giovannini (Infophoto)

Le attese dell’opinione pubblica sono, inoltre, molte e il rischio di deluderle è altissimo. Il lavoro rappresenta, infatti, la priorità delle priorità del nuovo esecutivo, specialmente quando questo interessa i giovani. Semplificare e rafforzare l’apprendistato (per l’ennesima volta?), modificare la nefasta legge 92/2012 (la cosiddetta “Riforma Fornero”), defiscalizzare e sostenere i lavoratori con bassi salari, è la strada individuata. Nulla sarà, però, possibile, se il Paese non torna a prendersi cura dei suoi giovani, provando a trasformare il loro disagio in speranza, e scommettendo, con forza, su orientamento e stimolo all’imprenditorialità per il rilancio del Paese e, quindi, dell’occupazione.

Il nuovo Governo dovrà, così, tentare di vincere, prima di tutto, una sfida culturale, superando così il vero “complesso del Primo Maggio” e sconfiggendo le resistenze delle vecchie ideologie sindacali. Solo così sarà possibile, infatti, far tornare questa giornata una vera festa per tutti i lavoratori.

 

In collaborazione con www.amicimarcobiagi.com

© Riproduzione Riservata.