BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

RIFORMA PENSIONI GIOVANNINI/ Centrella (Ugl): sì alla flessibilità, ma non per tutti

Secondo GIOVANNI CENTRELLA, per quei lavoratori che sarebbero stati in procinto di andare in pensione secondo le vecchie regole, sarà necessario studiare una fase transitoria

InfophotoInfophoto

Il governo sta analizzando l’esistenza di margini di manovra per modificare la riforma Fornero. L’attuale disciplina pensionistica fu realizzata in fretta e furia sotto il pesante condizionamento del commissariamento europeo. All’epoca eravamo dominati dall’ansia dello spread e, per evitare che esplodesse, si attinsero le risorse nel luogo in cui era più semplice e veloce prelevarle. Ovvero, dalle pensioni. Le repentinità fu foriera di tanti e tali errori che, col senno di poi, si capì che si sarebbero rilevati socialmente insostenibili. Molto più dello spread. Per porvi rimedio, è allo studio l’ipotesi di introdurre un meccanismo di flessibilità che consenta di scegliere quando andare in pensione, entro una forbice compresa tra i 62 e i 70 anni, in cambio di - rispettivamente - disincentivi e incentivi. Altra opzione in cantiere è quella della staffetta generazionale: il lavoratore anziano accetta un part time, mentre l’azienda assume un giovane. Abbiamo chiesto a Giovanni Centrella, segretario generale dell’Ugl, come valuta questi possibili cambiamenti.

Crede che questa volta si possa fare un’eccezione rispetto alla buona regola (mai rispettata) di non riformare la disciplina pensionistica a ogni cambio di governo?

Per la prima volta le modifiche non solo sono legittime, ma anche necessarie. La riforma, oltre a determinare disagi intollerabili per centinaia di migliaia di lavoratori, a partire dagli esodati, di fatto non consente pressoché a nessuno di poter andare in pensione.

Lei è favorevole all’introduzione di forme di flessibilità?

Di per sé, la proposta di attuare forme di incentivi e disincentivi a seconda dell’età di accesso alla pensione è ricevibile. Tuttavia, non può essere implementata da subito. Ci sono molte persone che, se fossero vigenti le regole precedenti alla riforma Fornero, si sarebbero trovate adesso in procinto di accedere al regime previdenziale. Ovvero, sarebbero mancati loro pochi anni. Non sarebbe giusto penalizzare queste persone con dei disincentivi per consentirgli semplicemente di riacquistare un diritto perduto da poco.

Quindi?