BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO/ Bobba (Pd): causalone e rinnovo, ecco cosa cambiare nella riforma Fornero

Per LUIGI BOBBA, occorre intervenire sugli intervalli tra un contratto e l’altro, sul cosiddetto causalone che consente d’assumere a tempo determinato, sulle partite Iva e sull’apprendistato

Elsa Fornero Elsa Fornero

La riforma Fornero è “una legge in cui ci sono alcuni punti che in una fase recessiva stanno creando dei problemi”. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, dopo l’incontro con il presidente francese Francois Hollande. Per Letta, “in un momento straordinario come questo è necessario un pochino meno di rigidità”. Ilsussidiario.net ha intervistato l’onorevole Luigi Bobba, deputato del Partito Democratico.

Condivide l’intento di Letta di introdurre alcune modifiche alla riforma Fornero?

Le parole di Letta non vanno interpretate come se avesse in mente degli stravolgimenti della riforma Fornero, il cui impianto è fondamentalmente condivisibile. Si tratta piuttosto di semplificare e di alleggerire alcune norme, per tenere conto del fatto che siamo in un periodo ancora di forte crisi del mercato del lavoro. Va compiuta un’operazione che del resto era già prevista in un articolo della legge, in cui si affermava che, “a seguito di attento monitoraggio”, le norme potevano essere modificate in funzione dei segnali provenienti dalla realtà del mercato del lavoro.

Quindi intende dire che un cambiamento è implicito allo spirito della stessa riforma Fornero?

Guardando a quanto è accaduto in altri paesi europei, emerge che quando hanno attuato delle riforme significative delle regole del mercato del lavoro, hanno continuamente realizzato un monitoraggio. In questo modo si è verificato che gli effetti delle norme fossero quelli attesi. La riforma del lavoro non va però considerata in modo troppo rigido, ma piuttosto come una delle modalità per rendere più leggero e flessibile per le imprese l’utilizzo di persone che lavorano, e nello stesso tempo per porre mano al riequilibrio di sistemi di protezione sociale.

In che modo è possibile intervenire per modificare le parti della riforma Fornero relative ai contratti a tempo determinato?