BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

PENSIONI/ L’Italia delle rendite e delle ingiustizie generazionali

Infophoto Infophoto

Questa senso di impotenza e di ingiustizia deve essere riequilibrato e devono essere i figli del baby boom - oggi cinquantenni - consapevoli del loro ruolo di figli e di padri a doversi fare portatori di questo messaggio di solidarietà intergenerazionale. Devono illuminare i propri genitori - oggi pensionati - sul fatto che è necessario un sacrificio: deve essere eliminata una distorsione sociale per ridare una speranza non tanto per loro, ma per i loro figli, nipoti di quei nonni oggi pensionati che beneficiano di rendite non più accettabili. Poche cose ma di principio:

1. Calmierare le baby pensioni al costo della pensione sociale. Effetto di risparmio: stima 6 miliardi di euro.

2. Calmierare delle pensioni d’oro a 3.500 euro lordi mese. Effetto di risparmio: stima 7,5- 8 miliardi di euro.

3. Inserimento dei redditi di capitale compresi quelli derivanti da interessi del debito dello Stato nella dichiarazione dei redditi con aliquota quindi progressiva. Effetto di risparmio derivanti da esenzione ticket spesa sanitaria ed altre esenzioni, scolastiche ecc.: stima 3 miliardi di euro. Per maggior gettito fiscale: stima 12 miliardi di euro.

4. Rimodulazione della curva Irpef abbassando le aliquote per ridare al lavoro il suo potere di acquisto.

5. Aumento dell’aliquota della tassa di successione ed esenzione invece per le donazioni effettuate a enti non-profit, scuole, fondazioni che perseguono interesse con finalità sociale pubblica.

Le risorse liberate potrebbero essere indirizzate a investimenti nelle infrastrutture, alla ricerca e sviluppo, alle imprese, al pagamento degli arretrati dei debiti della Pubblica amministrazione. Si creerebbero nuovi posti di lavoro e ripartirebbe la fiducia e la crescita. Il vero nuovo pensiero politico di una società progressista, ma al tempo stesso etica e responsabile guardando al futuro, è una visione di giustizia sociale intergenerazionale che deve essere perseguita. Non serve consegnarci all’Europa e pensare che la sua unità risolva le distorsioni dal sistema. Una cosa è certa: i nostri problemi li dobbiamo risolvere da soli, il miraggio dell’Europa e la sua integrazione politica è solo una panacea illusoria per rinviare i nostri problemi domestici.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
05/05/2013 - Non toccate le pensioni! (cavazzani alessandro)

Prima di toccare le pensioni si combattano gli evasori e i corruttori e la mafia! Troppo semplice toccare i pensionati perchè le pensioni sono a "portata di mano" di politici e lobbisti. Nazionalizzate le banche dei lobbisti bergamaschi! Troppo facile toccare le pensioni! Cominciate a toccare le banche! Anche loro sono lì a portata di mano!

 
05/05/2013 - commento (francesco taddei)

per fare tutto questo in italia a capo del governo non basta il presidente. ci vuole il papa.