BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Campiglio: la Germania è il nuovo Eldorado dei giovani italiani

Infophoto Infophoto

Il fatto che un giovane italiano accetti la sfida di trasferirsi da Milano a Francoforte di per sé non è un segnale negativo. Se anche la cifra di chi fa questa scelta raggiungesse le 100mila unità non vi troverei nulla di preoccupante. A condizione però che si ragioni in termini di una vera Unione europea, perché a quel punto diventa qualcosa di analogo a un giovane americano che si trasferisce da San Francisco a Seattle. Ci si muove nell’ambito di un’area comune e condivisa.

 

Quali altri vantaggi trova un giovane italiano che si reca in Germania?

In Germania il sistema di assistenza sociale è decisamente più efficiente, coprendo meglio settori come i giovani, la famiglia e la disoccupazione. Per non parlare del fatto che fino a pochi anni fa un appartamento a Berlino costava come un box a Milano. Dal momento che il fenomeno è diventato europeo, una quantità molto elevata di giovani non solo italiani si recano nella capitale tedesca. La Germania è un Paese vecchio, che attrae giovani di tutti i paesi, tutte le età e tutte le qualificazioni. Il mix è quindi molto più equilibrato rispetto all’immigrazione che arriva in Italia.

 

Se la Svizzera non avesse chiuso le frontiere con l’Italia, i giovani sceglierebbero Zurigo o Ginevra anziché Francoforte?

 La Svizzera è un Paese molto più piccolo, e quindi un paragone con un Stato popoloso come la Germania regge solo fino a un certo punto. Il pendolarismo di lavoratori italiani verso la Svizzera, inoltre, è molto limitato. I cittadini elvetici si lamentano, ma se non ci fossero i lavoratori italiani transfrontalieri sarebbero loro i primi ad avere dei problemi.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/05/2013 - commento (francesco taddei)

come fanno? perchè investono in tecnologia, aprono i mercati interni alla concorrenza nei servizi, si aumenta il personale quando occorre e non per le elezioni, credono nella meritocrazia e nella gerarchia di comando e le spese sociali servono per formare a nuovi lavori quelli che lo hanno perso. avete presente l'italia? ecco l'opposto.