BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IDEE/ Ai nuovi manager serve il "metodo Montgomery"

Il contesto economico attuale richiede sempre più leadership di qualità e da parte di più persone, affinché, spiega FRANCESCO SANSONE, le aziende non smarriscano i propri obiettivi

Fotolia Fotolia

Nelle imprese c’è una quantità di manager molto competenti, brillanti, talvolta addirittura straordinari, che cercano di fare ciò che ritengono sia giusto per la crescita. Il problema è che pochissimi di loro assicurano quella leadership che sta diventando sempre più necessaria nelle imprese, nella politica e nei diversi ambiti. Il contesto ultradinamico e straordinariamente competitivo che ci troviamo ad affrontare nell’economia della conoscenza richiede sempre più leadership di qualità e da parte di più persone, per garantire uno sviluppo sostenibile alle aziende. Se manca questo tipo di leadership, le organizzazioni ristagnano, smarriscono i loro obiettivi e alla fine ne risentono pesantemente.

In un mondo sempre più globale, con un capitale umano con un livello culturale sempre più elevato e non più disposto a obbedir tacendo, è necessario un nuovo stile di leadership; ma, il punto nodale non è lo stile: è semmai un problema di sostanza, di comportamento operativo, di atteggiamenti, non di tattica o di dettagli superficiali; ed è un comportamento che cambia poco nel tempo, da una cultura all’altra o da un settore all’altro. C’è chi dice che le conseguenze di una leadership inadeguata sarebbero minime, perché la performance è la risultante di tantissimi fattori, interni ed esterni all’impresa. Sicuramente si può concordare sul concetto della pluralità di fattori, ma bisogna ricordare che la maggioranza di essi può essere influenzata dall’efficacia, o dall’inefficacia, della leadership.

Il vuoto di leadership esiste per tutta una serie di ragioni; e colmarlo diventa difficile per tanti motivi, uno dei quali è la complessità dei problemi. Ma la questione non è il numero limitato di persone in possesso di un adeguato potenziale di leadership. Anche se una persona su cento avesse il potenziale giusto, sarebbero sempre milioni a esercitare la leadership nel mondo. Oggi siamo lontanissimi da questi numeri, e ciò dovrebbe dirci qualcosa d’importante sui limiti educativi delle istituzioni scolastiche, delle università e anche delle famiglie. Invece di sviluppare il talento, d’invitare i collaboratori a prendere iniziativa e a imparare dagli errori e dai successi, le organizzazioni ignorano troppo spesso il potenziale di leadership; non danno educazione, né esempi in materia, e puniscono coloro che commettono piccoli errori quando provano ad assumersi responsabilità decisionali. Anche i lavoratori fanno la loro parte, omettendo di valutare realisticamente i propri bisogni formativi e di darsi da fare per soddisfarli.