BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

ISTAT/ Under 35: tra il 2010 e il 2013 persi un milione di posti di lavoro

Secondo i nuovi dati Istat i disoccupati nella fascia di età sotto ai 35 anni sono aumentati di circa un milione di unità nei tre anni che separano il 2010 al 2013

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Se nel 2010 gli unger 35 che lavoravano erano 6,3 milioni, nel 2013 sono scesi a 5,3 milione, un milione esatto di posti di lavoro perduti. E' quanto dice il nuovo rapporto dell'Istat, dove quelli che se la passano peggio sono i giovani tra i 25 e i 34 anni: si registra infatti un calo di 750mila posti di lavoro. Che i giovani in Italia non se la passassero bene si sapeva, che le cifre arrivassero a questi livelli lascia un po' di sconcerto. Nel dettaglio il tasso di occupazione di questa fascia di età è passato dal 65,9% al 60,2%, mentre vale la pena ricordare che nel 2007 la media era del 70,1%. Va poi sottolineata la situazione tra nord e sud: al settentrione lavora l'81,4% (nel 2010 erano l'86,6%) dei giovani sotto i 35 anni, nel sud il 51% (uomini) e il 33,3% (donne). Secondo gli esperti questa situazione è data da diversi motivi: il primo l'aumento di coloro che pur in età di pensione deve continuare a lavorare, passati dal 36,6% al 42,1%; la crisi economica generale e il calo della occupazione nelle imprese private e quindi il quasi totale blocco delle assunzioni nella pubblica amministrazione. Un tasso di disoccupazione invece che passa dall'11,7% del secondo trimestre del 2010 al 17,8% del 2013. 

© Riproduzione Riservata.