BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

STATALI/ Le pensioni d'oro più ricche? Quelle dei magistrati, poi universitari e militari

Se si guarda agli importi complessivi dei nuovi assegni erogati dall’Inps ad ex dipendenti pubblici, si scopre che questi variano dai 4.549 euro ai 1.502 euro mensili. Ecco la "classifica". 

Foto InfoPhotoFoto InfoPhoto

Osservando gli importi complessivi dei nuovi assegni erogati dall’Inps agli ex dipendenti pubblici, si scopre che quelli più elevati riguardano l'ambito della magistratura (8.225 euro mensili), seguito dall’Università (3.546 euro) e delle Forze Armate (2.614 euro). Lo scrive oggi Marco Rodari su Il Sole 24 Ore, dopo aver analizzato i dati Inps per il 2012 contenuti nell’ultimo Rapporto annuale sulle nuove pensioni ex Inpdap. Si legge anche che, se nel caso delle forze armate "l’età media alla decorrenza del pensionamento è attorno ai 59 anni, per i magistrati si sale al 68,7 mentre per l’Università a 65,1". Solo per il "personale delle aziende autonome (1.311 pensionamenti l’anno scorso) si è riusciti ad andare oltre, con un’età media al momento dell’incasso del primo versamento Inps di 72,2 anni". L'anno scorso le nuove pensioni sono state in totale 109.076, con importi variabili "dai 4.549 euro mensili per la Cassa pensioni sanitari (circa il 3% delle nuove prestazioni sorte nel 2012)" fino ai 1.502 euro mensili della Cassa pensioni insegnanti.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
03/09/2013 - Strano! (Corrado Rizzi)

Quindi: parlamentari, ex, in corso, ex manager dello stato, ecc. Non sarebbero in INPS-INPDAP? Pubblicate numero pensioni per scaglioni di reddito p.f. Poi sarebbe una bella cosa se chi piglia uno stipendio, a qualunque titolo, per esempio di senatore, senatore a vita, o parlamentare, non percepisca alcuna pensione in quanto non credo abbia bisogno di PREVIDENZA SOCIALE! O no?