BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIFORMA PENSIONI/ Centrella (Ugl): c'è una flessibilità migliore del “prestito” di Giovannini

Gianni Centrella Gianni Centrella

Al fatto che ci sono persone, poche, che i contributi li hanno versati e non mi sembra logico toglierglieli adesso. Per le pensioni calcolate con il sistema retributivo sono invece pienamente d’accordo. Dico solo che, per non fare discriminazioni, dove ci sono pensioni d’oro con un contributivo alto andarle a tagliare è un errore. Laddove c’è invece un retributivo alto a fronte di pochi contributi versati, allora è giusto tagliare.

 

Passiamo a un altro argomento. Sta trovando consensi l’idea che la riforma Fornero abbisogna di qualche correttivo: secondo lei, come va emendata quella riforma?

Se parliamo di una riforma delle pensioni che va giustamente a tagliare le pensioni d’oro che non ci dovrebbero essere, va bene. Se invece parliamo di un’ennesima riforma che taglia tutte le pensioni, comprese quelle più basse, allora non va bene.

 

Facciamo un passo indietro: come si può intervenire sulle pensioni d’oro che premiano chi ha versato poco?

Si possono prendere quelle pensioni, fare una riproporzione di tutto e ricalcolare gli importi.

 

In questo modo non si incorrerebbe nei rilievi della Corte Costituzionale che già due volte ha respinto tentativi di prelievo sugli assegni medio alti?

Dobbiamo capire che questo Paese deve cambiare. E deve cambiare anche la Corte Costituzionale. Non vedo cosa c’entri la Costituzione con il fatto che ho versato zero o pochi contributi però, avendo una retribuzione altissima, mi spetta una pensione altissima.

 

La Corte Costituzionale non dovrebbe rendere uguali tutti i cittadini?

Non vedo perché io devo andare in pensione con il contributivo e un altro con il retributivo.

 

Cosa ne pensa invece dell’idea del ministro Giovannini di dare un anticipo sulla pensione a chi è vicino all’uscita ma non ha maturato i requisiti necessari, dando una sorta di prestito che poi, chi ne beneficia restituirà a rate una volta andato definitivamente in quiescenza?