BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

CASSA INTEGRAZIONE/ Emilia-Romagna, ecco come accedere nel 2014

La Regione Emilia-Romagna e le parti sociali hanno siglato un’intesa per disciplinare l’accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per il  2014 con verifiche mensili.

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

La Regione Emilia-Romagna e le parti sociali hanno siglato un’intesa per disciplinare l’accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per il 2014 con verifiche mensili. L’accordo, divenuto necessario dopo la mancata emanazione del decreto interministeriale che avrebbe dovuto disciplinare i principi comuni per la gestione degli ammortizzatori in deroga, "mantiene in vigore le disposizioni approvate dalla Giunta nel marzo 2013 e le successive modificazioni con alcune integrazioni", come si legge in un comunicato pubblicato di recente sul sito della Regione Emilia-Romagna. L’intesa istituisce in particolare "l’obbligo di comunicazione mensile della effettiva fruizione delle prestazioni - recita ancora la nota - cioè i datori di lavoro dovranno comunicare mensilmente il reale utilizzo dei trattamenti di cassa integrazione in deroga richiesti”. Nell’anno 2014, "le autorizzazioni degli interventi in deroga saranno esplicitamente condizionate al corretto adempimento dell’obbligo di comunicazione mensile dei concreti utilizzi". Le richieste per l’accesso agli ammortizzatori in deroga al gennaio 2014 devono essere inviate alla Regione entro il 20 febbraio 2014: questa data costituisce inoltre un termine perentorio di invio del resoconto del reale utilizzo degli ammortizzatori del gennaio 2014. Per i mesi successivi, invece, la domanda di accesso sarà invece da inviare entro 20 giorni dall’avvenuta sospensione. "L’accordo consente di dare ossigeno alle imprese e al lavoro almeno per i primi mesi del 2014 e assicura coesione e governabilità di una situazione occupazionale che continua a preoccupare – ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive Gian Carlo Muzzarelli - Il nostro obiettivo, con la responsabilità di non lasciare nessuno indietro, è di operare per ottenere dal Governo regole e tutte le risorse necessarie per superare la fase lunga di difficoltà e rilanciare un progetto di sviluppo e di crescita per ottenere nuova occupazione".

© Riproduzione Riservata.