BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CUNEO FISCALE/ Un taglio trasformato in bluff, lo dicono i numeri

Infophoto Infophoto

Nel periodo 2001-2010 la produttività oraria del lavoro è cresciuta appena dell’1,2%, contro l’11,4% dell’area Ue-27 e addirittura il 26,1% della Germania. Siamo quasi 50 punti distanti dalla Francia e dai Paesi Bassi, 40 dalla Svezia, più di 20 dal Regno Unito e riusciamo, di poco, a precedere la Spagna. Questo significativo divario dipende da numerosi fattori che sarebbe opportuno sviscerare, comprendere e analizzare più nel dettaglio, ma che sinteticamente sono riconducibili a una bassa propensione all’innovazione. Questo non significa solo, come spesso viene ribadito, una bassa spesa pubblica destinata alla ricerca e sviluppo, ma sono anche e soprattutto le imprese a non credere nella R&S e nel suo valore aggiunto, a non aver compreso come l’innovazione di prodotto e di processo sia fondamentale negli attuali contesti competitivi.

Ad aggravare la situazione italiana vi è anche un problema di dimensionamento delle imprese (in gran parte medio piccole, a conduzione familiare e quindi con minori possibilità di raccogliere risorse destinate all’innovazione) e di specializzazione produttiva, visto che il nostro Paese è storicamente sbilanciato verso produzioni a basso contenuto tecnologico. Il tessuto imprenditoriale non è riuscito a cogliere le novità della globalizzazione, che imponeva ai paesi industrializzati di ricollocarsi in settori meno maturi e più avanzati tecnologicamente, dove il gap con i paesi emergenti appariva e appare ancora molto ampio, abbandonando a questi ultimi i settori più maturi dove ormai vigono costi e prezzi non sostenibili da un Paese avanzato. Gran parte del nostro declino è racchiuso in queste motivazioni.

È ovvio che tutto questo richiede una visione più strategica della politica economica, industriale e fiscale e una serie di decisioni che vanno a modificare anche l’assetto consolidato del sistema-Paese. Insomma, visioni e decisioni che il sistema politico italiano finora non ha dimostrato di saper adottare e verso cui il Paese, nel suo complesso, ancora non si dimostra pronto.

© Riproduzione Riservata.