BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

RIFORMA PENSIONI/ Proietti (Uil): esodati e flessibilità, la partita non è chiusa

Un lavoratore anziano Un lavoratore anziano

Noi ci siamo battuti perché questo avvenisse e abbiamo ottenuto un primo parziale risultato, che non è comunque sufficiente. Tutte le pensioni frutto di contribuzione devono essere rivalutate. Nei prossimi mesi da parte del governo ci dovrà essere la necessità di riprodurre questo provvedimento. Ciò tra l’altro è coerente con l’idea che sia necessario rilanciare i consumi interni. Per farlo bisogna dare un reddito maggiore a pensionati e lavoratori dipendenti, e ciò può avvenire sia con una rimodulazione delle pensioni, sia con un taglio delle tasse per i lavoratori dipendenti.

 

Intanto è stato re-introdotto il contributo di solidarietà per le pensioni più alte...

Per le pensioni cosiddette d’oro, che sono frutto solo in parte dei contributi versati, il provvedimento ha un qualche fondamento, che corrisponde a un’esigenza di giustizia. Bisogna però stare attenti a non incorrere nell’incostituzionalità che è intervenuta in passato.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.