BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

DISOCCUPAZIONE RECORD/ Forte: no al Job Act, meglio i contratti di Marchionne

Sergio Marchionne (Infophoto)Sergio Marchionne (Infophoto)

Se Renzi vuole rilanciare il Made in Italy consentendo alle imprese tipicamente italiane di continuare a operare nel nostro Paese, dovrebbe modificare le norme penali, che hanno obbligato molte imprese ad andarsene dall’Italia. Mi riferisco in particolare alla responsabilità oggettiva dei consigli d’amministrazione, alla retroattività delle norme penali e tributarie, al fatto che la legge italiana preveda il carcere per l’amministratore delegato nel caso di evasione fiscale della sua società. È questo insieme di problemi che porterà Fiat a trasferire la sua sede centrale nei Paesi Bassi o magari negli Stati Uniti.

 

E quindi?

Quindi le vere questioni non sono quelle di cui Renzi sembra essere più preoccupato. Le sue proposte sono “spolverini leggeri” che non incidono sulla sostanza dei problemi. Nel frattempo il segretario del Pd si incontra con Landini e simpatizza con lui, ma soprattutto non ha ancora scelto tra la Cgil da un lato e la Cisl che invece è a favore dei contrati liberi.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
09/01/2014 - Illudere con abolizione del contante (Carlo Cerofolini)

E pensare che c'è chi afferma - anche economisti - che per risolvere i problemi dell'Italia basterebbe semplicemente abolire l'uso del contante (sic) e così recuperare centinaia di miliardi dall'azzeramento di: 1) evasione fiscale; 2) economia legata alla criminalità; 3) corruzione.

 
09/01/2014 - I nuovi disoccupati: gli imprenditori. (claudia mazzola)

Parlavo con la mia vicina pasticcera, ha un'attività col marito ed i 2 figli maschi. Il lavoro è in crisi anche per loro,la figlia invece lavora in uno studio dentistico, va alla grande! I nuovi ricchi del tempo odierno non sono più gli imprenditori ma i dipendenti. Beati loro!