BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Lavoro

Agenzia Nazionale per l'Occupazione: per scegliere il capo, il Ministro Poletti segua l'esempio dell'Università di Trento!

Con l'approvazione del Jobs Act, verrà costituita l'Agenzia Nazionale per l'Occupazione. ANTONIO BONARDO ci spiega come si potrebbe sceglierne il responsabile

InfophotoInfophoto

Alla sua origine, il servizio di collocamento è stato pensato per svolgere funzioni meramente burocatico-amministrative: compilare liste, rilasciare certificati, mettere timbri e via dicendo. Poi, nel mondo sviluppato, si è evoluto in centro di sostegno alle persone in cerca di lavoro, tramite servizi di ricollocazione e di riqualificazione professionale. In Italia purtroppo no: gli uffici di collocamento statale sono rimasti fermi alla loro vocazione originale.

Nel 1997 si è pensato che il problema risiedesse nella gestione centrale da parte dello Stato, troppo distante dalle esigenze reali delle persone e delle imprese. Si è così proceduto a passare la responsabilità della gestione dei ridenominati Centri pubblici per l'impiego, in sigla Cpi, alle Province. Ma neanche questa soluzione ha funzionato: è arcinoto infatti che meno del 2% di chi trova un lavoro passa attraverso un Centro pubblico. 

Di fronte a questo nuovo fallimento, ora la legge–delega in tema di riforma del mercato del lavoro, il cosiddetto Jobs Act atto II, identifica la soluzione nella costituzione di una Agenzia Nazionale per l'Occupazione, che prenda in carico la gestione dei Cpi e al contempo sia capace di integrare l'apporto degli operatori privati e del terzo settore per dar vita a una rete capillarmente diffusa di servizi al lavoro. Sapendo bene che questa volta il fallimento non è un'opzione! Perché è proprio sul buon funzionamento dei servizi al lavoro che si basa il nuovo paradigma del mercato del lavoro "renziano": quello europeo moderno della flexsecurity, che dovrà sostituire il sistema novecentesco della job property in cui il lavoratore si sentiva "proprietario" a vita del posto che occupava.

Se dunque dal successo dell'Agenzia Nazionale dipenderà il successo della riforma è immediatamente evidente che individuare il Manager che ne reggerà le sorti è di vitale importanza. Ci sentiamo pertanto di offrire un suggerimento per compiere al meglio questa scelta decisiva: si segua il metodo utilizzato all'"Università di Trento".