BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONSIGLI NON RICHIESTI/ Fiducia, i 4 pilastri che servono a migliorare il lavoro

Infophoto Infophoto

È tuttavia importante creare una giusta relazione di fiducia, nel senso che è stato visto che una persona dotata di una scarsa fiducia negli altri tenderà a rifiutare spesso transazioni economiche e opportunità di profitto, avendo un atteggiamento pessimistico che “deprimerà” le sue performance economiche. Un soggetto che, al contrario, ripone eccessiva fiducia nel partner con cui svolge la transazione/rapporto sarà portato a investire in modo più che proporzionale rispetto a quanto suggerisce la normale condotta e sarà più facilmente preda degli inganni altrui: in questo modo il suo guadagno risulterà comunque inferiore ai soggetti che invece realizzano rapporti basandosi su livelli di fiducia intermedi e ottimali.

A livello di singolo individuo, quindi, la relazione tra fiducia e performance economiche non è monotona. Si sviluppa invece il cosiddetto “right amount of trust”, che massimizza i risultati individuali: né troppa fiducia riposta nella controparte della transazione, né troppo poca. Questa relazione è stata supportata da dati empirici, derivanti dalla European Social Survey 2011. 

Per ogni Paese tale survey fornisce informazioni sui valori sociali degli individui, cultura e comportamenti diffusi. Si è evidenziato come nei paesi con una tradizione di radicata scarsa fiducia nel prossimo, il giusto ammontare di fiducia è logicamente più basso di quello presente nei paesi caratterizzati da un livello medio di fiducia più elevato. Allo stesso modo, la relazione fiducia-profitto, a parità di condizioni, avrà un valore massimo più elevato nella seconda tipologia di Paese piuttosto che nella primo.

Uno spazio sociale in cui esiste la fiducia permette lo sviluppo di un mercato, uno spazio sociale in cui al trust si aggiunge il care permette l’interazione cognitiva, qualcosa che è mercato e scuola insieme. In questo senso l’organizzazione che vuole massimizzare i benefici economici, organizzativi e relazionali dei rapporti con i portatori di interesse, dovrebbe implementare, mediante opportuni strumenti formativi e di coinvolgimento stakeholder engagement, gli ottimali livelli di fiducia.

© Riproduzione Riservata.